Turchia: prove tecniche di regime change

Turchia: prove tecniche di regime change

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Nei confronti di Bashar al-Assad, da parte di Recep Tayyip Erdogan c’è stato un progressivo disimpegno. Gli accordi di Astana, sanciti con Russia e Iran lo scorso anno, sono l’apice di un processo avuto inizio nel 2016 volto a creare vaste aree di de-conflitto in Siria e garantirne l’integrità territoriale.

A causa di queste iniziative è diventata persona non gradita a Washington poiché d’ostacolo ai suoi progetti imperialisti di un Kurdistan indipendente ed abusivo nella zona. Per far sì che gli giungesse il messaggio, gli USA adottarono due opzioni: una violenta, l’altra più soft power. La prima prese piede la sera del 18 luglio 2016. Barack Obama volse l’occhio altrove mentre alti gradi dell’aeronautica – la più tecnologica e filo-atlantista – tentavano un colpo di Stato ai suoi danni.

La seconda, invece, mesi dopo. Si trattò di finanziare partiti a lui avversi, ammucchiando curdi (HDP) e forze progressiste (BDP). Il tutto con gli attentati – la bomba esplosa davanti alla sede della polizia di Diyarbakir, per esempio – a fare da cornice in un clima di instabilità e da strategia della tensione che avrebbe dovuto costringerlo a scenderci a patti. Entrambe fallirono. All’indomani delle elezioni presidenziali del 24 giugno 2018, la Borsa di Ankara ha segnato un + 2,2% e la Lira, invece, protagonista di svalutazioni competitive nel corso del 2017, si è apprezzata sul dollaro USA dell’1,4%.

Questi dati gli hanno permesso di avere ulteriore stabilità politica utile a proiettarsi verso maggiori sinergie con gli attori politici citati poc’anzi in merito alla spartizione delle zone di influenza del territorio siriano. Dalla rottura del JCPOA, ad esempio, ha offerto “rifugio” a molte società di Teheran e partecipate al fine di aggirarne le sanzioni occidentali e favorirne il mercato con investitori stranieri.

La svalutazione odierna della Lira – meno 13% sul $ -, quindi, è la rappresaglia USA a tutto questo. Di lievi dimensioni, però. Il colpo finale avrà luogo a partire dal 4 novembre, quando si opporrà al boicottaggio delle esportazioni petrolifere iraniane previsto nel nuovo pacchetto di restrizioni. Prove tecniche di regime change.

(di Davide Pellegrino)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Galateo, ovvero l’educazione perduta: riscopriamolo
Galateo, una parola che sentiamo spesso. "Non riempire troppo il [...]
Nodi marinari: esempi e storia di una tradizione millenaria
Saper fare un nodo è una cosa che può risultare [...]
I figli sardine anti Salvini, i papà anti Berlusconi: quei flash mob revival
C'è il paese dei gilet gialli e quello delle sardine (che [...]
L’esercito Siriano avanza nei territori di Idlib occupati dai Jihadisti
Le forze governative del presidente Assad avanzano lentamente nella parte [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter

Scroll Up