cancel culture

Tutti i pericoli della cancel culture, l’ossessione dei progressisti

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Un bellissimo articolo pubblicato su Quillette che parla dei pericoli della cancel culture

A volte le nostre più preziose istituzioni culturali non sono all’altezza dei loro alti impegni e responsabilità educative e morali. Questi fallimenti danneggiano soprattutto il tessuto sociale perché tendono a danneggiare molte persone che si affidano a loro e ad offuscare gli alti ideali che le istituzioni pretendono di esemplificare.

Un incidente all’inizio di ottobre che ha coinvolto il MIT, un gioiello nella corona del mondo accademico, presenta un esempio particolarmente eclatante di questo fallimento istituzionale, aggravato dalla codardia di quell’università di fronte alle intimidazioni e alle minacce degli studenti ipocriti e dei loro alleati di facoltà. Il MIT aveva invitato Dorian Abbot, un geofisico dell’Università di Chicago, a tenere la prestigiosa conferenza John Carlson sul clima e il potenziale della vita su altri pianeti, un argomento di cui Abbot è un esperto riconosciuto. Sfortunatamente per Abbot e il suo pubblico designato, tuttavia, aveva recentemente commesso l’equivalente universitario dell’hara-kiri prendendo sul serio le norme della libertà accademica che il MIT e altre scuole affermano di amare.

Abbot, nelle discussioni online sul crescente movimento “diversità, equità e inclusione (DEI)” nei campus americani, aveva sottolineato “l’importanza di trattare ogni persona come un individuo degno di dignità e rispetto. In un contesto accademico”, ha continuato, “ciò significa dare a tutti un’opportunità equa e paritaria quando si candida per una posizione, oltre a consentire loro di esprimere apertamente le proprie opinioni, anche se non si è d’accordo con loro”. E in un editoriale di Newsweek di agosto, coautore , aveva sostenuto che il DEI come attualmente praticato nel campus “viola il principio etico e legale della parità di trattamento” e “tratta le persone come semplici mezzi per un fine, dando il primato a una statistica sull’individualità di un essere umano”.

Abbot ha proposto invece un quadro alternativo che ha chiamato Merit, Fairness and Equality (MFE) in base al quale i candidati universitari sono trattati come individui e valutati attraverso un processo rigoroso e imparziale basato solo sul loro merito e sulle loro qualifiche. La sua norma MFE ha respinto i vantaggi dell’eredità e dell’ammissione atletica, “che favoriscono in modo significativo i candidati bianchi”. Per queste opinioni eretiche, è stato messo alla gogna da gruppi di studenti che hanno chiesto al MIT di ritirare il suo invito alla conferenza. Dieci giorni dopo, il presidente del dipartimento sponsor del MIT ha fatto proprio questo .

Qui abbiamo, letteralmente, un esempio di “cancel culture”, che cerca di imporre una sorta di annientamento o morte sociale. I sostenitori di discorsi, azioni o posizioni che i loro critici ritengono inaccettabili usano sempre più il termine per descrivere gli sforzi di quei critici per sopprimere, emarginare e punire in altro modo i loro avversari. Nel caso di Abbot, negargli una piattaforma di rilievo per le sue opinioni sul DEI (e forse su altre questioni) è stato un classico tentativo di cancellazione.

I pericoli della Cancel culture

L’incidente di Abbot rivela anche la potenziale espansività della cancellazione. Dopotutto, l’argomento della sua lezione, sebbene socialmente e scientificamente importante, non aveva assolutamente nulla a che fare con la richiesta del DEI da parte dei manifestanti. Anche così, il loro programma di cancellazione è quasi riuscito. In una pausa fortunata per Abbot, finì per tenere la conferenza annullata, non al MIT ma a Princeton. Lì, alcuni docenti guidati dal teorico politico conservatore Robbie George si sono immediatamente fatti avanti e si sono offerti di sponsorizzarlo. Anzi, la fortuna di Abbot fu ancora più drammatica: il New York Times e altri importanti media hanno dato risalto all’incidente, migliaia di studenti si sono iscritti alla conferenza di Princeton di Abbot e la sua cancellazione da parte del MIT gli è valsa una distinzione conferita dall’American Council of Trustees and Alumni, che lo ha nominato Hero of Intellectual Freedom!

Questa notevole svolta – una sorta di jiu-jitsu morale in cui Abbot è stato in grado di convertire la sua vulnerabilità alle richieste di una folla in un forum più ampio per il suo messaggio – dovrebbe allietare i cuori e le menti delle molte persone che deplorano le forze della cancellazione. Troppo comunemente, tali pressioni al conformismo sono rigorosamente rafforzate dalla gerarchia, dalla paura dell’isolamento sociale e da altre sanzioni informali e dall’onnipresente presa di ostaggi della reputazione.

Cosa c’è nel movimento DEI – i suoi principi, il suo programma d’azione e i suoi feroci e irremovibili sostenitori – che gli ha permesso di ottenere una tale influenza con gli studenti e alcuni docenti in così tanti campus? La mia attenta osservazione del crescente movimento a Yale e altrove mi ha convinto di una serie di spiegazioni correlate. In primo luogo, le università sono entità enormi i cui leader sono ossessionati dalla necessità di raccogliere fondi sempre più grandi(Harvard è aumentato di 11,3 miliardi di dollari, o del 40%, l’anno scorso; la Washington University di St. Louis ha guadagnato il 65%!) per finanziare sempre più espansione, costruzione, programmi accademici e non e stipendi. In quanto tali, si sforzano risolutamente di creare un’impressione di ordine nel campus.

Ma le cancellazioni causano spasmi di disturbo, violenza e pubblicità negativa che possono influenzare le loro classifiche pubbliche estremamente importanti. Gli studenti dissidenti sanno che i dirigenti universitari delle scuole più prestigiose (con rare ma notevoli eccezioni come Robert Zimmer e Geoffrey Stone dell’Università di Chicago) sono disposti a pagare un caro prezzo per garantire la pace del campus. E poiché loro e la loro facoltà sono politicamente liberali in modo schiacciante—quasi il 90% si identifica con e spesso contribuisce al Partito Democratico—tendono a simpatizzare con le agende dei manifestanti, anche quando sono più radicali delle proprie.

Questo mi porta al secondo punto sul DEI. I suoi ideali sono retoricamente attraenti solo finché rimangono indefiniti. Chi, in fondo, può essere contrario alla “diversità” e all’“inclusione”, almeno in astratto? La realtà, tuttavia, è che in quanto astrazioni questi concetti sono semplicemente aspirazionali ed essenzialmente vuoti. Ciò che in realtà significano in pratica – e ciò che i quadri di cancellazione intendono chiaramente con loro – sono regimi rigorosi di azione affermativa basati su razza, etnia, genere e pochi altri attributi. Questi attributi, insiste la cancel culture, devono essere utilizzati nelle ammissioni all’università, nelle assunzioni di lavoro, nelle squadre sportive, nei gruppi strumentali, nei progetti artistici e in tutti i tipi di gruppi, indipendentemente dall’effettiva distribuzione di preferenze, talenti, interessi e disponibilità tra i presunti beneficiari. In un esempio lampante, l’Art Institute of Chicagoha appena annunciato che avrebbe licenziato tutti i suoi docenti universitari e ricominciato da capo perché troppe di loro sono donne bianche.

La cancel culture prescrive l’azione affermativa come mezzo per installare la diversità in tutte le attività che apprezza. Ma l’azione affermativa significa cose molto diverse per persone diverse. Si va da una maggiore diffusione ai gruppi non rappresentati, che gli americani in gran parte favoriscono, alle quote numeriche per i gruppi di minoranza, che la maggior parte, inclusa la maggior parte dei neri americani, si oppone in gran parte . La stessa distinzione si applica all’inclusione e all’equità; molti di noi li approvano in astratto, ma spesso non sono d’accordo di fronte a applicazioni specifiche.

L’ossessione dei liberal

La cancel culture  è diversa e in realtà produce una diversità meno genuina. Ad esempio, le sue ortodossie spesso contraddicono i desideri reali e intensi delle comunità minoritarie di una maggiore presenza e applicazione della polizia nei loro quartieri. Queste stesse ortodossie impediscono anche una disciplina più efficace degli studenti indisciplinati e violenti, laddove tale disciplina potrebbe consentire ai loro figli di apprendere e perseguire percorsi verso un futuro più luminoso. Annullare l’insistenza da zombi della cultura secondo cui il razzismo bianco oggi è ancora la ragione principale per la continua povertà, alti tassi di criminalità violenta, cattive condizioni di salute, disordini domestici e dissoluzione cronica della famiglia nelle comunità travagliate dei centri urbani è una distrazione perversa, e persino un negazione delle cause più importanti e dei possibili rimedi a queste tragiche, debilitanti condizioni.

Il fiasco del MIT dovrebbe ricordarci di quanto la cultura dell’annullamento debba rispondere. Sebbene gli attivisti di questa cultura siano relativamente pochi e la sua retorica sia spesso risibile nella sua iperbole, i suoi militanti nei campus universitari a volte hanno un effetto enorme sugli altri: reputazioni crudelmente rovinate, programmi politici perversi, stigmatizzazione dei democratici moderati e molto altro. Ma la rapida risposta di Princeton alla cancellazione di Abbot fornendo un forum alternativo e onorato suggerisce anche un rimedio promettente e a basso costo, coerente con la libertà di parola e i valori accademici liberali. Il MIT dovrebbe vergognarsi del suo vile sostegno al bullismo, e forse altre istituzioni più basate sui principi daranno ascolto a questa semplice lezione esemplare.

(di Peter Schuck – Tradotto da Quillette)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Europarlamentari contro il Green Pass: il discorso di Christine Anderson [VIDEO]
L’europarlamentare tedesca Christine Anderson scuote il Parlamento europeo con il [...]
Puzzer, decisione shock: “Foglio di via e divieto soggiorno”
È ufficiale: la democrazia parlamentare in Italia è ufficialmente un [...]
COP26, la colossale presa per i fondelli delle élite
La COP26 si prepara a essere uno spettacolo grottesco. Stiamo per [...]
La protesta di Trieste e le sospette ordinanze anti-assembramento
La protesta di Trieste è sempre più scomoda, a quanto [...]

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.