guerra culturale

La guerra culturale in Occidente è reale e sta peggiorando

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

A differenza del Kulturkampf tedesco del XIX secolo – il conflitto culturale tra il Regno di Prussia di Bismarck e la Chiesa cattolica romana – le battaglie culturali di oggi sembrano piccole e quasi apolitiche. Spesso ruotano attorno alle differenze di opinione sulla natura della vita familiare, su come dovrebbero essere cresciuti i bambini e su quali parole dovremmo usare – e non usare – quando comunichiamo con gli altri. La guerra culturale contemporanea è diversa anche perché i principali protagonisti non esprimono sistematicamente le proprie convinzioni. Non promuovono una filosofia o un’ideologia esplicita. Ecco perché le diverse parti lottano per capire come chiamare i loro avversari. In questo senso, la guerra culturale odierna è molto diversa dal Kulturkampf e da altre lotte più feroci tra protestanti e cattolici nelle sanguinose guerre di religione in Europa nel XVI, XVII e all’inizio del XVIII secolo.

A differenza di oggi, chiunque fosse coinvolto nelle guerre di religione sapeva qual era la posta in gioco. Ben diversa è la situazione nel 2021, dove spesso si nega l’esistenza stessa di un conflitto sui valori culturali. I commentatori dei media insistono che non esiste una crisi della libertà di parola e che la cancel culture è un mito. La guerra culturale è l’invenzione di gruppi di reazionari bianchi e fuori dal mondo che temono la perdita del loro privilegio, affermano.

Questo è il negazionismo della guerra culturale. La premessa principale di questo negazionismo è che le campagne contro l’eteronormatività, il whiteness, le “femministe radicali trans-esclusione”, l’appropriazione culturale e così via sono solo lotte per la giustizia sociale. Anche se queste campagne prendono di mira, a volte violentemente, molte delle norme culturali consolidate da tempo della società, a quanto pare non si sommano a una guerra culturale. Invece, questa crociata contro la cultura occidentale è mascherata da parole come “inclusione” e “diversità”. Sono quelli dall’altra parte – quelli che vogliono preservare i valori della loro comunità e che resistono ai tentativi degli attivisti risvegliati di prendere il controllo della lingua – che sono accusati di condurre una guerra culturale.

Il negazionismo della guerra culturale è un tentativo di normalizzare e legittimare la crociata contro le conquiste storiche dell’Illuminismo e della cultura occidentale. Allo stesso tempo, i negazionisti della guerra culturale cercano di inquadrare il desiderio di difendere le norme e i costumi della società democratica moderna e illuminata come una pericolosa minaccia al benessere e all’identità di determinati individui e gruppi.

Negli ultimi anni, c’è stato uno sforzo sistematico per minimizzare il significato della guerra culturale. Numerosi commentatori affermano che la guerra culturale è esagerata. Coinvolge solo un piccolo numero di protagonisti e quindi non tocca direttamente la vita della maggior parte delle persone, insistono. Un titolo del Guardian riassumeva questo punto di vista: “Le “guerre culturali” sono combattute da una piccola minoranza”. Citando un rapporto del think-tank More in Common, il Guardian ha affermato che il “desiderio di combattere una “guerra culturale” è appannaggio di un piccolo gruppo agli estremi politici che non rappresenta la maggior parte degli elettori britannici, secondo un importante nuovo progetto sulla polarizzazione politica nel Regno Unito».

Le citazioni allarmistiche sulla “guerra culturale” sono progettate per far capire quanto apparentemente sia falso questo conflitto. Il Guardian rassicura i suoi lettori che “una quantità sproporzionata di commenti politici sui social media è generata da piccoli gruppi guidati dalla politica”.

In un recente rapporto, il Policy Institute del King’s College London (KCL) ha ripetuto l’idea che ci sia una quantità sproporzionata di commenti dei media sulla guerra culturale. Ha notato che c’è stato un aumento esponenziale delle notizie sui conflitti culturali, ma l’analisi di queste storie apparentemente mostra che “le guerre culturali sono esagerate o fabbricate, se esistono”. Inoltre, KCL ha affermato che il 76% delle persone intervistate non aveva idea di cosa fosse la guerra culturale.

Ma data la confusione che circonda questo conflitto spesso non riconosciuto, non sorprende che molte persone non sappiano cosa farne. Tuttavia, la confusione sulla guerra culturale non significa che non siamo nel mezzo di un autentico conflitto culturale. Inoltre, le persone riconoscono che qualcosa è in corso, anche se non riconoscono prontamente i nomi e i termini usati per descrivere le tensioni culturali odierne. Ciò è stato chiaro nelle recenti elezioni suppletive di Hartlepool, in cui il Partito Laburista del risveglio è stato decisamente respinto dai suoi ex sostenitori della classe operaia. Questi elettori sapevano intuitivamente di cosa trattava la guerra culturale quando respinsero ciò che percepivano come disprezzo per i loro valori e il loro modo di vivere.

Un’altra forma di negazionismo della guerra culturale è riconoscere l’esistenza di un tale conflitto ma minimizzarne l’importanza e affermare che sta diventando sempre meno significativo. Più volte negli ultimi 30 anni, gli osservatori hanno scritto necrologi prematuri per la guerra culturale. Nel 2015, Andrew Hartman, nel suo libro A War for the Soul of America: A History of the Culture Wars , ha concluso che “La logica delle guerre culturali è stata esaurita. La metafora ha fatto il suo corso». In modo simile, l’ editorialista del Times , James Marriott, ha recentemente concluso che “la guerra culturale sta perdendo vigore”. “I conflitti di genere, razza e lingua potrebbero non scomparire, ma il nostro entusiasmo ha raggiunto l’apice”, ha affermato.

È difficile capire in che mondo abita Marriott. Perché proprio nel momento in cui è stata pubblicata la sua rubrica, il conflitto sui valori culturali stava assumendo uno slancio senza precedenti. La guerra culturale è viva e vegeta. In effetti, è più profondamente radicato che mai, come dimostra la sua inesorabile espansione in sempre più sfere della vita. Negli ultimi mesi lo sport è diventato l’ultimo obiettivo dei crociati culturali.

Un altro modo per minimizzare il significato della guerra culturale è insistere sul fatto che le questioni di classe e economiche sono molto più importanti dei conflitti sui valori. Ciò che questa prospettiva economicista trascura è che i valori culturali non sono un’aggiunta in più alla vita di tutti i giorni. Piuttosto, forniscono una rete di significati attraverso la quale le persone danno un senso alle loro vite. Coloro che affermano che l’economia ha la meglio su tutto il resto non si rendono conto che valori come la libertà individuale e la libertà di parola forniscono le basi per il modo di vivere democratico. Inoltre, la guerra culturale è intimamente legata alla classe. Dopotutto, la guerra culturale comporta in gran parte la denigrazione dei valori dei lavoratori, dei populisti e dei “deplorevoli” delle classi professionali con formazione universitaria.

Nella sua forma più estrema, il negazionismo della guerra culturale afferma che le persone che parlano di una guerra culturale vivono in un mondo fantastico. Da questo punto di vista, semplicemente non esiste una cosa come cancellare la cultura, e non dovresti preoccuparti di questioni come le donne trans che competono negli sport delle donne biologiche. L’ editorialista del New York Times , Charles Blow, liquida le preoccupazioni sulla promozione della teoria critica della razza o della cultura trans come una sorta di “freakout”. Afferma che i repubblicani hanno inventato questi problemi per spaventare e mobilitare i loro elettori. Suggerisce che ciò che motiva davvero gli oppositori della veglia e dell’annullamento della cultura è la loro preoccupazione per il privilegio bianco:

“I repubblicani sanno che ci sono alcuni pulsanti culturali che possono premere per generare facilmente abbastanza paura e indignazione da stimolare i loro elettori e portarli alle urne: l’ascesa dei non bianchi, l’immigrazione dei non bianchi, una minaccia alla sicurezza bianca, uno spostamento del potere bianco e della cultura bianca, un’espansione dei diritti per “i gay” e l’aborto.’

Dal punto di vista di Blow, gli uomini di destra “premono pulsanti culturali”, mentre la sua parte nella guerra culturale sta semplicemente combattendo per la giustizia.

L’espressione “spingere i pulsanti culturali” è significativa. Frasi come questa sono sempre e solo usate per umiliare le persone che stanno cercando di sostenere il loro modo di vivere. Blow e altri guerrieri culturali ritengono che qualsiasi difesa dei valori tradizionali sia illegittima e una minaccia per le persone che, a loro avviso, sono dalla parte giusta della storia. Blow e Co sono riluttanti a chiamare la loro guerra culturale con il suo nome, perché allora dovrebbero ammettere che ci stanno combattendo.

La guerra culturale non aveva un’inquadratura iniziale riconoscibile. A differenza dei conflitti del passato, nessuno ha dichiarato guerra alle istituzioni della società. Eppure questo conflitto è nondimeno una lotta esistenziale su chi siamo . Nel suo importante studio, Riflessioni sulla storia , lo storico del XIX secolo Jacob Burckhardt sosteneva che le guerre di religione erano terribili perché “i mezzi di offesa e di difesa sono illimitati, la morale ordinaria è sospesa in nome dello “scopo superiore”, negoziati e mediazioni sono ripugnanti: la gente vuole tutto o niente’.

Burckhardt avrebbe compreso la dinamica che guida l’odierna cultura dell’annullamento. Avrebbe colto l’impulso di spegnere gli avversari. Avrebbe riconosciuto nella politica dell’identità un atteggiamento che vuole ‘tutto o niente’. Non essere aperti sulla natura esistenziale della loro crociata è parte integrante dei guerrieri culturali di oggi contro i valori dell’Illuminismo. Preferiscono convincere il pubblico che la guerra culturale è un mito piuttosto che ammettere di essere impegnati in una lotta “tutto o niente” contro alcuni dei valori e delle conquiste più importanti della società.

(da Spiked Online)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Europarlamentari contro il Green Pass: il discorso di Christine Anderson [VIDEO]
L’europarlamentare tedesca Christine Anderson scuote il Parlamento europeo con il [...]
Puzzer, decisione shock: “Foglio di via e divieto soggiorno”
È ufficiale: la democrazia parlamentare in Italia è ufficialmente un [...]
COP26, la colossale presa per i fondelli delle élite
La COP26 si prepara a essere uno spettacolo grottesco. Stiamo per [...]
La protesta di Trieste e le sospette ordinanze anti-assembramento
La protesta di Trieste è sempre più scomoda, a quanto [...]

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.