George_Lombardi

George Lombardi, consulente di Trump: “Prove di brogli negli Stati uniti”

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Le elezioni americane sono state truccate». Lo ha dichiarato George Lombardi, consulente e amico del Presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump a Vox Italia Tv, intervistato da Francesco Toscano. «I brogli elettorali sono di una scala staliniana, venti per milioni di voti per posta senza una firma, senza un controllo, decine di migliaia senza un nome, di cui non si sa la provenienza. Tutto ad un tratto – ha raccontato Lombardi in collegamento dagli Stati Uniti – hanno trovato uno scatolone di 30.000 voti, guarda caso tutti per Joe Biden. Brogli elettorali a non finire, lo avevo previsto. Ora c’è la possibilità, forse, remota, che si vada in tribunale. Il problema è che ci sono troppi stati assegnati ai democratici e la strada è molto lunga» ha dichiarato Lombardi».

Lombardi a Vox Italia: “Migliaia di voti senza nome a favore di Biden

Negli Stati Uniti, ha sottolineato il consulente di Trump, «c’è un sistema federale e ogni stato è indipendente su come queste votazioni vengono fatte. Gli stati rimangono indipendenti sul sistema elettorale». Sui brogli, ha rimarcato Lombardi, «non siamo solo nel campo delle ipotesi. Ci sono video, documenti, di persone che erano all’interno dello spoglio che sono state allontanate. Tutto quanto è stato depositato nei tribunali della Pennsylvania. Il problema sono i sindaci democratici che mettono i bastoni fra le ruote, è chiaro che non è facile. Ma queste cose andranno avanti, Trump non si arrenderà». Al Gore, ricorda George Lombardi, «si appellò ai tribunali per 40 giorni».

L’avvocato personale di Donald Trump, Rudy Giuliani, secondo quanto riportato dall’agenzia Agi, è diretto a Filadelfia con un team di legali perché in Pennsylvania – Stato ancora non assegnato – si sono verificati, a suo dire, “massicci brogli”. Ad annunciarlo su Twitter lo stesso Giuliani, avvertendo: “Non lasceremo che gli impostori democratici di Filadelfia rubino voti”. Non ci sono prove di brogli in Pennsylvania e in nessun altro Stato dove la battaglia tra i due candidati alla presidenza Usa è più serrata. Intanto, la campagna di Trump ha fatto sapere che alcuni suoi consiglieri terranno a breve una conferenza stampa a Filadelfia: tra i partecipanti anche il figlio del presidente, Eric Trump. Non è stato specificato se all’appuntamento partecipare anche Giuliani.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

Trump non molla sui brogli: “Se si contano i voti legali, vinco agilmente” [VIDEO]
Trump non si arrende. In una conferenza stampa indetta all'una [...]
Vox Italia: “Possibili brogli negli Stati Uniti, Trump legittimo presidente”
Come riportato dal Direttore dell'Intelligence nazionale Richard Grenell, in Michigan [...]
La torbida notte delle Elezioni USA 2020
Le elezioni USA 2020 sono discusse non ad uno, ma [...]
Rudy Giuliani denuncia “massicci brogli” ai danni di Donald Trump
L'avvocato personale di Donald Trump, Rudy Giuliani, secondo quanto riportato [...]
Scroll Up