Hobbes, il Leviatano

Con il Covid-19 risorge il Leviatano di Thomas Hobbes

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Molti osservatori attenti, anche su the American Conservative, hanno avvertito che le libertà civili, e forse la libertà stessa, potrebbero essere vittima del coronavirus. Non hanno tutti i torti, ma d’altra parte, c’è un virus là fuori, e batterlo con ogni mezzo necessario sembra essere la preoccupazione principale in questo momento.  Pertanto, i media mainstream, che solo un mese fa ha messo in guardia sui pericoli del razzismo e della xenofobia, sono ora sostanzialmente d’accordo con forti misure di sanità pubblica.

Ad esempio, il 19 marzo, il Washington Post ha pubblicato  un’indagine sulle azioni intraprese da vari paesi asiatici con questo straordinario sottotitolo: “Il Grande Fratello si prende cura di te”. Come ha spiegato il Washington Post , “Singapore ha usato il suo equivalente dell’Fbi, il Dipartimento investigativo, per interrogare efficacemente ogni caso confermato con sorprendente attenzione, persino usando i portafogli digitali dei pazienti per rintracciare i loro passi. Chi mente paga con multe e prigione”. Sembrerebbe che l’Unione delle libertà civili di Singapore – se ce n’è ancora una – non abbia molto peso in quella città-stato confuciana. Osservando in un altro paese asiatico, il Post ha aggiunto: “Taiwan monitora la posizione delle persone infette tramite smartphone: vai troppo lontano da casa e ricevi un messaggio; ignoralo e la polizia ti farà una visita”l

Come se fosse stato un suggerimento, un tweeter taiwanese ha aggiunto in modo indipendente il 21 marzo: “Il mio telefono, che è stato localizzato via satellite dal governo di Taiwan per imporre la quarantena, ha esaurito la batteria alle 7:30 del mattino. Alle 8:15, quattro diverse unità mi hanno chiamato. Alle 8:20 la polizia ha bussato alla mia porta”. L’articolo del Wp aggiunge: “Gli esperti concordano che i governi occidentali devono essere pronti a limitare i movimenti dei loro cittadini, imporre l’isolamento per casi positivi e tenere traccia dei contatti indipendentemente dalle preoccupazioni sulla privacy”.

Con lo stesso spirito severo, il 22 marzo, il New York Times ha intitolato “L’Italia, il nuovo epicentro di Pandemic, ha lezioni per il mondo”. Secondo il Times, “L’esperienza del paese mostra che i passi per isolare il coronavirus e limitare i movimenti delle persone devono essere messi in atto in anticipo, con assoluta chiarezza, quindi rigorosamente applicati”. Come possiamo osservare, è quasi come se il Times desiderasse ardentemente i giorni del Duce, Benito Mussolini, negli anni ’20, o almeno la mano pesante del sindaco Rudy Giuliani in gli anni ’90.

A dire il vero, nessuna improvvisa celebrazione da parte dei media della disciplina e dell’ordine si è tradotta in supporto per Donald Trump, che è stato regolarmente accusato negli ultimi tre anni di essere un autoritario – o peggio.  È interessante notare che, quando arrivò il momento della verità, Trump non è stato così dittatoriale come alcuni avrebbero potuto temere – e come altri avrebbero potuto sperare. Sì, ha principalmente chiuso i viaggi con la Cina, il Messico e l’UE (azioni seguite da quasi tutti i principali paesi del mondo, fornendo una vittoria per lo più priva di effetti collaterali per il trumpismo). Eppure il 45° presidente non è stato per nulla draconiano su questioni di ordine interno e mobilitazione economica. In effetti, al momento della stesura di questo documento, il presidente sembra propenso ad aprirsi ; cioè, si dice che sia in sintonia con i suoi consiglieri economici libertari, non con i suoi esperti di salute pubblica ortodossa.

Quindi molti governatori – compresi i democratici che guidano grandi stati come la California, New York e la Pennsylvania – si sono trovati alla “destra” di Trump. Cioè, stanno emettendo ordini di “stare a casa”, facendoli apparire, nel bene e nel male, più duri del presunto duro alla Casa Bianca.

Potremmo fermarci ad osservare che la durezza è il vero volto della salute pubblica. Negli ultimi decenni, la salute pubblica è stata vista come una professione “liberale”, che sostiene il controllo delle armi, si preoccupa dei cambiamenti climatici, coccola i senzatetto e simili. Tuttavia, quando arriva un’autentica emergenza medica, la chiamata della salute pubblica riscopre i suoi muscoli antichi e li flette. Molte parole illiberali, come “quarantena”, vengono nuovamente scandite, così come concetti più recenti, come “distanza sociale” e “Monitoraggio dei social media”.

Si ricorda, ad esempio, ciò che Cicerone scrisse 2000 anni fa: Salus populi suprema lex esto , “La salute delle persone deve essere la legge più alta”. (Possiamo notare che il salus può anche essere tradotto, meno dal punto di vista medico, come “benessere” o “sicurezza”.) Tuttavia, secondo qualsiasi traduzione, le parole schiettamente utilitaristiche di Cicerone sono sempre state risonanti, anche nel dammi la libertà o la morte americano; servono come motto, ad esempio, dello Stato del Missouri, nonché di molte altre giurisdizioni locali. E se uno vede la salute e il benessere delle persone come la legge più alta, allora oggi, molte parole d’ordine amichevoli devono andare in pensione.

Con il virus risorse il Leviatano di Hobbes

Nel suo libro del 1987 Crisis and Leviathan: Episodi critici nella crescita del governo americano , lo studioso libertario Robert Higgs sosteneva che le crisi spiegano perché lo stato si fortifica. Furono la depressione, le due guerre mondiali e la guerra fredda a ingrossare lo zio Sam, e una volta diventato grande non è più diventato piccolo.  Il “Leviatano” nel titolo del libro di Higgs, ovviamente, si riferisce al classico della scienza politica del 1651 di Thomas Hobbes, il Leviatano.

Come ha affermato Hobbes, la vita in uno stato di natura – cioè al di fuori di uno stato di governo – è “solitaria, povera, cattiva, brutale e breve”. Secondo Hobbes, non esisteva un “nobile selvaggio”, solo una barbara ignobile. “Durante il tempo gli uomini vivono senza un potere comune per tenerli tutti in soggezione”, ha aggiunto Hobbes, “sono in quella condizione che si chiama guerra; e una tale guerra, come lo è di ogni uomo, contro ogni uomo. ” In altre parole, secondo i calcoli di Hobbes, niente era peggio di nessun governo e nessun ordine.

Possiamo notare che Hobbes stava scrivendo sulla scia della guerra civile inglese del 1640. Avendo vissuto le “orribili calamità che accompagnano una guerra civile”, Hobbes credeva che quasi ogni governo dovesse essere un miglioramento. E così le persone dovevano incontrarsi – non necessariamente volontariamente – per il sostegno reciproco, attraverso un “potere comune per tenerli tutti in soggezione”.

Per Hobbes, questa creazione maestosa, questo Leviatano, era interamente creata dall’uomo; era il governo stesso. Hobbes pensava che lo stato fosse un “uomo artificiale”, composto proprio dalle persone per “la cui protezione e difesa era intesa”. Ed è stato attraverso questa nuova creazione che è stato possibile verificare “sedizione, malattia e guerra civile”. Quindi torniamo alla salute pubblica. Come abbiamo visto, con il suo velo liberale strappato via, la salute pubblica è, beh, Hobbesiana nella sua portata e simile a Leviatano nella sua scala. Si tratta di ridurre la libertà: sorveglianza, quarantena, controllo dei movimenti, vaccinazioni obbligatorie, qualunque cosa serva per mantenere le persone in salute.

Naturalmente non tutti sostengono misure così dure. Tuttavia, il dott. Scott Gottlieb, studioso della salute ed ex capo della FDA nell’amministrazione Trump, ha twittato questa valutazione brusca dell’alternativa alla salute pubblica hobbesiana il 23 marzo: “Finché i covidi-19 si diffonderanno incontrollati, gli anziani moriranno nella storia numeri, persone di mezza età condannate a prolungati soggiorni in terapia intensiva per lottare per la propria vita, gli ospedali saranno sopraffatti e la maggior parte degli americani terrorizzati di lasciare casa, mangiare fuori, prendere la metropolitana o andare al parco. “

La descrizione straziante di Gottlieb del virus in libertà suona un po ‘come la descrizione della vita di Hobbes in uno stato di natura. Vale a dire, se devono scegliere tra essere a rischio ed essere sotto controllo, la maggior parte delle persone sarà contenta di quest’ultima. Quindi possiamo notare: è la paura del caos – inclusa, ma certamente non solo, la salute pubblica – che ha fatto crescere lo stato in primo luogo, ed è la paura continua che mantiene grande lo stato.

Finché c’è paura, ci sarà … il Leviatano.

(Traduzione da the American Conservative)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

Obamagate, Lindsey Graham: “Una vendetta politica contro Trump”
Negli Usa esplode lo scandalo Obamagate. Il senatore Lindsey Graham, [...]
Trump scatenato sui social, è la vittoria sul Deep State?
Trump scatenato sui social. Un Obamagate al giorno, a quanto [...]
Simona Mangiante a Vox Italia Tv: “Mifsud connesso alla western intelligence”
Simona Mangiante, moglie dell'ex advisor di Donald Trump George Papadopoulos, [...]
Al-Shabaab: ecco chi ha preso i soldi del riscatto della cooperante
Una doverosa premessa ,prima di parlare di Al-Shabaab: siamo ovviamente [...]
Scroll Up