Con "Serotonina" Houellebecq torna a raccontare il nostro tempo

Con “Serotonina” Houellebecq torna a raccontare il nostro tempo

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Michel Houellebecq è tornato a far parlare di sé. Scoperto solamente in seguito al suo penultimo lavoro, quel “Sottomissione” campione di vendite, recensioni e dibattiti dal 2015 ad oggi, l’autore francese ha al suo attivo molti più scritti ben riusciti di quanto i non addetti ai lavori conoscano – citiamo tra i tanti “Le particelle elementari”.

Con "Serotonina" Houellebecq torna a raccontare il nostro tempo

L’uscita in Italia del suo ultimo lavoro dal titolo Serotonina (La Nave di Teseo, 2019, pp. 332) è riuscito a destare l’attenzione di lettori e giornali, tanto da generare un vero e proprio conto alla rovescia all’arrivo dei volumi nelle librerie. In attesa dei primi dati sulle vendite, ci sentiamo vivamente di consigliarne la lettura. Il taglio è quello che più aggrada i suoi lettori, spregiudicato e senza alcun pelo sulla lingua: politicamente scorretto, per dirla con parole quanto mai attuali.

Le prime cinquanta pagina scorrono tutte d’un fiato, mentre olandesi, britannici e giapponesi vengono stroncati dalle parole dell’intellettuale francese. Sorprende, e non poco, la descrizione della Spagna, con una lucidità d’analisi sul presente e il passato della nazione latina, pari a quella che viene fatta della Francia. Anche il giudizio su Francisco Franco sembra molto più incline ad uno studio dei trentasei anni al potere del generale che ad una banale criminalizzazione, come fatto da Dan Brown nel suo “Origin”.

Successivamente inizia il viaggio nella Francia profonda, e qui l’autore dimostra di essere un grande conoscitore di quella frattura sempre più evidente nella società transalpina tra la metropoli, la capitale Parigi, e il resto del Paese. Quella frattura così ben evidenziata dal voto per le ultime elezioni presidenziali per l’Eliseo.

Con "Serotonina" Houellebecq torna a raccontare il nostro tempo

È proprio nella seconda parte del libro che sorge, quasi improvviso, quell’acume che consente ad Houellebecq di anticipare la dilagante protesta dei gilet giallile proteste, anche violente, dei produttori agricoli e degli allevatori che tentano con ogni arma, nel vero gergo della parola, di far sentire le proprie ragioni ad amministratori politico-istituzionali sordi e venduti alle esigenze del capitale internazionale. Senza alcun pericolo di spoiler per coloro che non hanno ancora letto il libro, possiamo affermare che, se una pecca c’è, nel romanzo del saggista francese, questa ci sembra proprio la conclusione. Non del tutto convincente, non perché si cerchi il disneyano lieto fine, ma per mancanza di brio o inaspettato colpo di scena.

Detrattori e fan non mancheranno, e tra i due noi ci iscriviamo volentieri fra i secondi: a voi l’ardua sentenza.

(di Luca Lezzi)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Galateo, ovvero l’educazione perduta: riscopriamolo
Galateo, una parola che sentiamo spesso. "Non riempire troppo il [...]
Nodi marinari: esempi e storia di una tradizione millenaria
Saper fare un nodo è una cosa che può risultare [...]
I figli sardine anti Salvini, i papà anti Berlusconi: quei flash mob revival
C'è il paese dei gilet gialli e quello delle sardine (che [...]
L’esercito Siriano avanza nei territori di Idlib occupati dai Jihadisti
Le forze governative del presidente Assad avanzano lentamente nella parte [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter

Scroll Up