L'assurda bufala dell'inglese "lingua maschilista"

L’assurda bufala dell’inglese “lingua maschilista”

Tutto si aspettava, probabilmente, la povera interlocutrice alla conferenza pubblica del premier canadese Justin Trudeau, tranne di venire maldestramente corretta sull’uso della parola “mankind”, “umanità”.

Il giovane primo ministro la ferma e le dice, con aria grave: “aspetta, noi preferiamo usare il termine ‘personkind’, è più inclusivo”. Agli applausi delle donne presenti alla conferenza sono seguite poi ondate di tweet con l’hashtag #personkind, quasi tutti critici: “sei un meme internazionale, una barzelletta che cammina!”, “non sei degno di pulire le scarpe di tuo padre”, alcuni dei commenti più moderati. Altri, sagacemente, hanno fatto notare che il termine “personkind” addirittura non esiste nel vocabolario inglese.

Ma non siamo qui per parlare solo dell’inclusivissimo e correttissimo Trudeau. Nel mondo anglosassone i movimenti femministi radicali stanno imponendo una neolingua politicamente corretta volta a epurare l’inglese da qualsivoglia “rimando” al maschile: “he”, “man”, “male”, etcetera. Ecco quindi che “mankind” diventa “personkind”, “woman” diventa “womyn” o degli illeggibili “womxn” e “womban”. L’idea alla base è che il patriarcato abbia reso il genere maschile quello di uso “standard”.

L'assurda bufala dell'inglese "lingua maschilista"

Purtroppo per loro è sufficiente fare una piccola ricerca etimologica per scoprire che questa presunta superiorità del maschile nella lingua inglese non esiste: si tratta di un equivoco causato dalla similarità delle parole stesse. Vediamo perché tutto questo è una enorme bufala.

L’inglese odierno prende le mosse dall’Old English, o inglese antico: questa lingua di derivazione anglosassone si sviluppa intorno al quinto secolo dopo Cristo, e al suo interno raccoglie elementi in comune con il tedesco, il latino e il francese. “Man”, la parola incriminata che oggi ha per lo più (ma non sempre) il significato di “uomo” inteso come maschio, è in realtà una parola di genere neutro che significa, semplicemente, “persona”. Al pari della parola inglese “person”, che come è facile intuire deriva dal latino “persona”. L’uso di “man” come termine generico oggi è inusuale, ma in base al contesto della frase o della parola può assumere il significato di “maschio” come di “persone”.

Non potrebbe essere più politicamente corretto di così: in inglese antico “uomo” si diceva “wyr-man”, donna invece “wyf-man”, letteralmente “persona-maschio” e “persona-femmina”. “Wir” (dal latino “vir”) è caduto, e oggi esiste in pochissimi casi, come “werewolf”; “Wyfman” è diventato “woman” perdendo la “f” e trasformando la “y” in “o”, mentre da “wyf” è derivata l’odierna parola inglese “wife”, moglie.

Con sommo dispiacere di Trudeau, “mankind” infatti significa letteralmente “tutte le persone”, e non ha nessun legame col significato odierno “man-maschio”. A sua volta la parola “human” deriva dal protoindoeuropeo “ghomon”, che significa “appartenente alla terra”. Quando dunque il primo ministro canadese suggerisce di sostituire “mankind” con l’inesistente “personkind”, di fatto suggerisce due parole con identico significato e ugualmente “inclusive”.

Anche “he/she” (lui, lei) non nasconde nessun complesso patriarcale. Entrambe derivano dal protogermanico “heo/seo”, che significa “lui/lei” ma anche “questo/quello”. In tedesco, infatti, i due termini si sono evoluti in due parole completamente diverse, “er/sie”. Il fatto che in inglese “he/she” suonino in maniera molto simile deriva dal fatto che fino al dodicesimo secolo era uso comune in Inghilterra il pronome personale “a” (si pronuncia “i”) per indicare “lui”, “lei”, “esso”, “essi”, riferiti sia a persone che a oggetti; “she” nasce intorno allo stesso periodo per distinguere con maggiore chiarezza i pronomi personali maschili e femminili, assieme a “he”, lui, e “it”, pronome neutro.

Sempre parlando di parole dal suono molto simile, “female” (femmina) viene spesso considerata come una declinazione della parola “male”, maschio. Anche in questo caso non è vero: “male” e “female” derivano entrambe dal francese antico “masle” (mascolino) e “femelle” (giovane donna). Solo nel quattordicesimo secolo la parola “female” assunse una pronuncia volta a imitare, specularmente, la parola “male”, ma nonostante ciò i due termini non hanno una etimologia comune.

La battaglia delle parole, almeno quelle inglesi, è persa. Speriamo per loro che trovino terreni di lotta un po’ più consistenti.

(di Federico Bezzi)

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Contro il “sessualmente corretto”: intervista a Nino Spirlì
Abbiamo raggiunto Nino Spirlì, scrittore e autore TV, per un'intervista [...]
Il “piano Draghi” nelle stanze dei bottoni
Mostrare gli aspetti positivi di una personalità pubblica di un [...]
Lerner chiede di “mettere al bando” i giornalisti sovranisti
La democrazia secondo Gad Lerner: mettere al bando e censurare [...]
Siamo contro l’immigrazione: è un problema?
Oltre la Linea è contro l'immigrazione di massa, e non [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter