L'Ucraina afferma che una nave russa è stata "distrutta" in un attacco sottomarino di droni al largo della Crimea

Daniele Bianchi

L’Ucraina afferma che una nave russa è stata “distrutta” in un attacco sottomarino di droni al largo della Crimea

L’Ucraina ha affermato di aver utilizzato droni marittimi per attaccare e distruggere una nave da guerra russa nel Mar Nero vicino alla penisola di Crimea annessa alla Russia.

L’agenzia di intelligence militare, conosciuta con l’acronimo ucraino GUR, ha pubblicato giovedì un video in cui si afferma che raffigurava un attacco di droni navali contro la corvetta armata di missili Ivanovets la notte prima.

Il filmato granuloso, della durata di circa 2 minuti e mezzo e accompagnato da una colonna sonora drammatica, mostrava una serie di esplosioni e la nave alla fine si inclinava su un lato. La situazione finì con la nave che affondò a poppa in mare.

“A seguito di una serie di colpi diretti allo scafo, la nave russa ha subito danni incompatibili con ulteriori movimenti”, ha detto l’agenzia di intelligence in una dichiarazione che accompagna il video, apparentemente composto da feed live dei droni.

Il GUR ha detto che l’attacco è stato effettuato dalla sua unità del Gruppo 13 ed è avvenuto mentre gli Ivanovets erano di pattuglia sul lago Donuzlav nella Crimea occidentale. Il lago fu collegato al Mar Nero da un canale nel 1961.

Non c’è stata alcuna risposta ufficiale da parte della Russia, la cui flotta del Mar Nero è stata attaccata in precedenza dall’Ucraina, in particolare con l’affondamento dell’ammiraglia Moskva nell’aprile 2022.

In quell’occasione, Mosca alla fine riconobbe la perdita della nave e disse che la Moskva affondò mentre veniva rimorchiata in porto dopo che “la detonazione di munizioni” provocò un incendio.

L’Ucraina ha affermato di aver affondato la nave dell’era sovietica con un missile da crociera, e gli Stati Uniti hanno sostenuto tale affermazione.

Non è stato possibile verificare l’affondamento dell’Ivanovet, ma i blogger militari russi hanno riferito che la zona era stata attaccata dai droni navali durante la notte e che l’Ivanovet era stata colpita.

La disinformazione è diventata una caratteristica fondamentale della guerra, che celebra il suo secondo anniversario il 24 febbraio, e non è stato possibile verificare in modo indipendente i filmati o le affermazioni.

La società di sicurezza privata Ambrey ha affermato che l’Ucraina ha utilizzato fino a sei droni marittimi, ciascuno dei quali solitamente trasporta 300 chilogrammi (660 libbre) di esplosivo, nell’attacco.

Anche un funzionario occidentale ha appoggiato la versione ucraina, dicendo all’agenzia di stampa Associated Press che era “altamente probabile che le navi di superficie senza equipaggio fossero responsabili dell’attacco alla Ivanovet”. Il funzionario ha parlato in condizione di anonimato per discutere di intelligence.

La marina ucraina ha affermato che la perdita della Ivanovets, che si ritiene abbia un equipaggio di circa 40 marinai, sarebbe “significativa” perché la Russia ha solo tre navi della stessa classe nella sua flotta del Mar Nero.

La Crimea, che è stata invasa e annessa da Mosca nel 2014, è stata oggetto di attacchi crescenti da parte di droni e missili ucraini.

Giovedì la Russia ha dichiarato di aver distrutto 20 missili ucraini nella zona.

Daniele Bianchi

Daniele Bianchi, nativo di Roma, è il creatore del noto sito di informazione Oltre la Linea. Appassionato di giornalismo e di eventi mondiali, nel 2010 Daniele ha dato vita a questo progetto direttamente da una piccola stanza del suo appartamento con lo scopo di creare uno spazio dedicato alla libera espressione di idee e riflessioni. La sua mission era semplice e diretta: cercare di capire e far comprendere agli altri ciò che sta effettivamente succedendo nel mondo. Oltre alla sua attività di giornalista e scrittore, Daniele investe costantemente nell'arricchimento della sua squadra, coinvolgendo professionisti con le stesse passioni e interessi.