La Russia rinuncia alle accuse penali a seguito di una rara protesta di grandi dimensioni

Daniele Bianchi

La Russia rinuncia alle accuse penali a seguito di una rara protesta di grandi dimensioni

Le autorità russe hanno presentato gravi accuse penali contro quattro persone a seguito di una grande protesta nella regione centrale di Bashkortosan.

Le forze di sicurezza della città di Ufa, sugli Urali, hanno arrestato domenica sera il quarto sospettato, hanno riferito i media locali. Le accuse fanno seguito alle proteste di migliaia di persone della scorsa settimana per l’incarcerazione di un attivista per i diritti degli indigeni. La polizia si è affrettata a reprimere quella che è stata una rara grande dimostrazione di dissenso in Russia da quando è iniziata la guerra di Mosca contro l’Ucraina.

Dim Davletkildin è stato arrestato dopo essere stato convocato dalla polizia nella città di Baymak, teatro della manifestazione, scaturita dalla condanna di mercoledì di Fail Alsynov a quattro anni di colonia penale.

Tra le accuse mosse dai compagni attivisti di Alsynov ci sono l’organizzazione di “rivolte di massa” e l’aggressione a funzionari pubblici, ha riferito il gruppo di monitoraggio OVN-Info. Le accuse comportano una potenziale pena di 15 anni.

OVD-Info ha aggiunto che le autorità hanno già aperto dozzine di casi amministrativi minori, accusando i manifestanti di aver preso parte a manifestazioni non autorizzate.

Lo stesso tribunale di Baymak, 1.400 km (870 miglia) a est di Mosca, che la settimana scorsa ha condannato Alsynov per incitamento all’odio etnico, ha incarcerato diverse persone da otto a 15 giorni per aver preso parte alla protesta, che ha visto la polizia tempestata di palle di neve. Le autorità hanno risposto con i gas lacrimogeni.

Le accuse contro Alsynov fanno seguito a un discorso tenuto l’anno scorso mentre la gente del posto si opponeva ai piani per lo sviluppo di una miniera d’oro.

Il governatore regionale ha affermato che l’attivista aveva fatto commenti razzisti nei confronti di persone provenienti dall’Asia centrale e dal Caucaso. Alsynov afferma che le sue parole sono state tradotte erroneamente dalla lingua baschira.

I manifestanti hanno affermato che il verdetto è stato ritardato per vendetta per il suo ruolo nelle proteste di anni prima, quando gli attivisti avevano bloccato con successo i piani per estrarre la soda su una collina considerata sacra dalla gente del posto.

Le grandi proteste sono rare in Russia a causa del rischio di arresti. Migliaia di persone sono state detenute negli ultimi due anni per essersi opposte alla guerra.

Spesso provenienti da regioni con poche prospettive economiche, i popoli indigeni di tutta la Russia sono stati attivamente corteggiati dai funzionari di reclutamento e fortemente rappresentati nelle fila che la Russia ha inviato in prima linea in Ucraina.

Alsynov è stato multato l’anno scorso per aver criticato l’invasione online, affermando che la guerra non era nell’interesse del Bashkortostan.

È a capo di Bashkort, un movimento di base che lavora per preservare la cultura, la lingua e l’identità etnica della popolazione della regione, bandito come “organizzazione estremista” nel 2020.

Il Bashkortostan è una regione produttrice di petrolio di 4,1 milioni di abitanti ed è una delle oltre 80 entità che compongono la Federazione Russa.

La minoranza etnica Bashkir è tra le 260.000 persone russe riconosciute come indigene in Russia.

Le popolazioni indigene che vivono in Russia combattono da tempo per i propri diritti e per proteggere il loro territorio tradizionale, che spesso si trova in aree utilizzate per l’estrazione di risorse naturali, come l’attività mineraria.

Daniele Bianchi

Daniele Bianchi, nativo di Roma, è il creatore del noto sito di informazione Oltre la Linea. Appassionato di giornalismo e di eventi mondiali, nel 2010 Daniele ha dato vita a questo progetto direttamente da una piccola stanza del suo appartamento con lo scopo di creare uno spazio dedicato alla libera espressione di idee e riflessioni. La sua mission era semplice e diretta: cercare di capire e far comprendere agli altri ciò che sta effettivamente succedendo nel mondo. Oltre alla sua attività di giornalista e scrittore, Daniele investe costantemente nell'arricchimento della sua squadra, coinvolgendo professionisti con le stesse passioni e interessi.