Chi è Muhammad Aurangzeb, l'uomo incaricato di risanare l'economia del Pakistan?

Daniele Bianchi

Chi è Muhammad Aurangzeb, l'uomo incaricato di risanare l'economia del Pakistan?

Islamabad, Pakistan— Quando il nuovo governo pakistano, composto da 19 membri, ha prestato giuramento l'11 marzo, un uomo si è distinto nella lista: Muhammad Aurangzeb, un outsider politico incaricato di far uscire il paese dalle sue difficoltà economiche.

Aurangzeb, un banchiere veterano che in precedenza era a capo di una delle più grandi banche commerciali del Pakistan, Habib Bank Limited (HBL), ha ricevuto le redini di un'economia da 350 miliardi di dollari rispetto a molti altri contendenti, tra cui il quattro volte ministro delle finanze Ishaq Dar.

Laureato alla Wharton School of Business dell'Università della Pennsylvania, Aurangzeb ha lavorato anche in importanti banche internazionali, come Citibank e JP Morgan, prima del suo periodo di sei anni presso la HBL.

Avendo la doppia cittadinanza, Aurangzeb ha dovuto rinunciare alla sua nazionalità olandese per ricoprire una carica pubblica in Pakistan. Sebbene non sia ancora deputato, secondo le regole del paese gli restano sei mesi per diventare deputato e poter continuare a ricoprire la carica di ministro federale.

Aurangzeb non è il primo banchiere a diventare ministro delle finanze del Pakistan. Prima di lui, Shaukat Aziz ha ricoperto la carica per otto anni (1999-2007) sotto il mandato del generale Pervez Musharraf, prima di diventare primo ministro.

Successivamente, sotto il governo dell’ex primo ministro Imran Khan e del suo Pakistan Tehreek-e-Insaf (PTI), al banchiere Shaukat Tarin è stato assegnato il portafoglio che ha detenuto per un anno (2021-2022) prima che il governo PTI fosse rimosso attraverso un provvedimento parlamentare. voto di sfiducia nell’aprile 2022.

La nomina di Aurangzeb arriva in un momento critico in cui il paese deve affrontare gravi sfide economiche, mentre lavora con il primo ministro Shehbaz Sharif e il governo della Lega musulmana pakistana-Nawaz (PMLN). Sharif e il suo PMLN sono saliti al potere dopo aver formato un governo di coalizione in seguito alle recenti elezioni dell’8 febbraio, che sono state rovinate da accuse di diffusi brogli.

Uno dei primi compiti di Aurangzeb, dicono gli analisti, sarà quello di negoziare urgentemente un nuovo programma di prestiti del Fondo monetario internazionale (FMI) dopo la scadenza ad aprile dell'attuale accordo da 3 miliardi di dollari della durata di nove mesi.

Un nuovo programma di prestiti con il prestatore globale è necessario per il paese che è attualmente gravato da oltre 130 miliardi di dollari – almeno un terzo del suo prodotto interno lordo – di debiti esteri. Il Pakistan avrebbe dovuto rimborsare 24 miliardi di dollari entro giugno di quest'anno, ma è riuscito a garantire un certo sollievo dai creditori bilaterali attraverso il rollover. Il Paese ora deve pagare quasi 5 miliardi di dollari prima della fine dell’anno fiscale a giugno.

Nel frattempo, le attuali riserve di valuta estera del Pakistan ammontano a 7,8 miliardi di dollari, sufficienti a coprire circa otto settimane di importazioni.

La sua valuta si è svalutata di oltre il 50% negli ultimi due anni, mentre l’inflazione, attualmente superiore al 23%, è schizzata fino a quasi il 40% nel 2023, con un rapido aumento delle tariffe energetiche e del prezzo dei beni alimentari di base. .

Molti osservatori ritengono che l'esperienza di Aurangzeb con le banche globali e l'esposizione ai mercati finanziari internazionali siano fondamentali, considerando le sfide del debito del Pakistan.

Sajid Amin Javed, economista senior associato al Sustainable Development Policy Institute di Islamabad (SDPI), ha affermato che la nomina di Aurangzeb è un segnale da parte del governo che è impegnato a introdurre riforme economiche, anche se potrebbero essere politicamente impopolari.

“In parte, questo potrebbe anche essere un passo per diluire la percezione che il governo PDM non è riuscito a mantenere in passato”, ha detto ad Oltre La Linea, riferendosi a una coalizione che Sharif ha guidato brevemente dopo la rimozione del governo di Imran Khan, e il cui breve mandato ha coinciso con un’inflazione alle stelle e con crescenti difficoltà economiche per i pakistani.

Ma Aurangzeb avrà bisogno di qualcosa di più del suo background per avere successo nel suo lavoro, ha suggerito l’economista di Karachi Khurram Schehzad.

“Il punto chiave non è necessariamente chi è il ministro delle finanze, ma piuttosto cosa farebbe la persona, qual è la sua visione e quale pensiero a lungo termine sta portando sul tavolo”, ha detto Schehzad ad Oltre La Linea.

Javed dell'SDPI, con sede a Islamabad, afferma che questi sono tempi difficili per qualsiasi ministro delle finanze, ma la mancanza di bagaglio politico di Aurangzeb potrebbe giocare a suo favore.

“Potremmo vedere un impegno più incentrato sulle riforme [the] Il FMI invece del bilanciamento politico”, ha detto Javed, riferendosi alle pressioni delle lobby elettorali contro le riforme con cui spesso i politici tradizionali sono alle prese. Ma, cosa ancora più importante, apporta una nuova riflessione sulla condotta della politica economica. Data la sua esperienza globale, potrebbe approfondire ulteriormente la revisione della politica economica e il Paese potrebbe vedere una rinnovata attenzione alla crescita economica”.

L'economista di Karachi Ammar Habib Khan, pur riconoscendo l'esperienza di Aurangzeb nella finanza, ha detto ad Oltre La Linea che un macroeconomista avrebbe potuto essere più adatto per il lavoro di un banchiere.

“Di solito, quelli al timone [of the government] non sono in grado di comprendere i lunghi tempi associati alle riforme e l’equilibrio macroeconomico che deve essere raggiunto”, ha affermato. “Scelgono una soluzione rapida, coinvolgendo per lo più persone in grado di fornire cerotti piuttosto che promuovere riforme a lungo termine”.

Daniele Bianchi

Daniele Bianchi, nativo di Roma, è il creatore del noto sito di informazione Oltre la Linea. Appassionato di giornalismo e di eventi mondiali, nel 2010 Daniele ha dato vita a questo progetto direttamente da una piccola stanza del suo appartamento con lo scopo di creare uno spazio dedicato alla libera espressione di idee e riflessioni. La sua mission era semplice e diretta: cercare di capire e far comprendere agli altri ciò che sta effettivamente succedendo nel mondo. Oltre alla sua attività di giornalista e scrittore, Daniele investe costantemente nell'arricchimento della sua squadra, coinvolgendo professionisti con le stesse passioni e interessi.