Libia e C-Star, sberla a ONG: "Mai più qui". Via dal Mediterraneo

Libia e C-Star, sberla a ONG: “Mai più qui”. Via dal Mediterraneo

Lo ha riportato il Giornale. “Go ahead and never come back. I repeat: never come back”. Andatevene e non tornate mai più. Lo dice la Marina Libica [video], mentre al canale 16 della radio c’è il comandante della Golfo Azzurro, della ONG  Proactiva Open Arms. E collabora la C-Star, con cui le forze costiere libiche si dicono disposte a condividere informazioni.

Dopo la caduta di Medici senza Frontiere e Save the Children, un’altra batosta sui superstiti, mentre gli sbarchi sono sempre meno. E guarda caso, sempre meno morti.

È una vittoria. Singola, insignificante, debole. Chi governa il mondo e domina l’Italia avrà la meglio, a meno di eventi traumatici concreti che rivoltino le carte in tavola.

Ma è giusto festeggiare e ricordarsi di questi giorni. Come quando, nella vita, si palesano singoli attimi di felicità pura, rarissima, difficilmente replicabile, ma importante da scolpire nella memoria.

Questi sono i giorni in cui i dominatori del mondo hanno preso una scoppola. I giorni in cui il loro prepotente mondo di finzioni e di solidarietà fasulla è caduto come un castello di argilla.

Sono troppo forti, vinceranno a meno che non trovino nemici colmi di denaro e interessi a fare una contrapposizione seria.

Ecco perché è ancora più giusto e sacrosanto festeggiare. Via le ONG dal Mediterraneo.

(di Stelio Fergola)

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Vi ricordate Saviano e Boldrini su Douma? Peccato che era una bufala
Vi ricordate quando Roberto Saviano, Laura Boldrini e altri vip [...]
Sergej Lavrov epico: così umilia il giornalista del Post
Che Sergey Lavrov sia un genio della comunicazione e uomo dall'innato [...]
Realtà e nichilismo: intorno a Michel Houellebecq
Genio, ciarlatano, profeta, reazionario: intorno alla figura di Michel Houellebecq [...]
Guy Verhofstadt “ama gli italiani”, ma quali?
In questi giorni, lo scontro tra Guy Verhofstadt e Giuseppe [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook