Un colpo di calore uccide 33 membri dello staff elettorale in uno stato l’ultimo giorno delle elezioni in India

Daniele Bianchi

Un colpo di calore uccide 33 membri dello staff elettorale in uno stato l’ultimo giorno delle elezioni in India

Almeno 33 membri dello staff elettorale indiano sono morti l’ultimo giorno di votazioni a causa di un colpo di calore in un solo stato, dice un alto funzionario elettorale, dopo che le temperature torride hanno colpito aree del paese.

Navdeep Rinwa, capo elettore dello stato settentrionale dell'Uttar Pradesh, dove sabato si è conclusa la votazione nella settima e ultima fase delle elezioni, ha detto che 33 addetti alle votazioni sono morti a causa del caldo.

La cifra includeva guardie di sicurezza e personale addetto ai servizi igienico-sanitari.

“Un risarcimento monetario di 1,5 milioni di rupie [$18,000] saranno forniti alle famiglie dei defunti”, ha detto Rinwa ai giornalisti domenica.

Sebbene siano stati segnalati numerosi decessi a causa dell’intensa ondata di caldo – con temperature superiori a 45 gradi Celsius (113 gradi Fahrenheit) in molti luoghi – le dozzine di dipendenti che muoiono in un giorno rappresentano un bilancio particolarmente triste.

Rinwa ha riferito di un episodio separato in cui un uomo in coda per votare nella città di Ballia ha perso conoscenza. “L'elettore è stato trasportato in una struttura sanitaria, dove è stato dichiarato morto all'arrivo”, ha detto.

Il Dipartimento meteorologico indiano (IMD) ha dichiarato che le temperature nella città di Jhansi hanno raggiunto i 46,9°C (116°F) sabato. I media indiani riferiscono che l'indice di calore è salito a un allarmante 61°C a Ballia sabato.

Il quotidiano Hindustan Times ha riferito che sabato un totale di 58 persone sono morte a causa dell’esposizione al caldo in tutto il paese, con decessi segnalati anche nei vicini Bihar, Odisha a est e negli stati centrali del Madhya Pradesh.

Sabato il Bihar ha visto almeno 10 morti legati alle elezioni, ha detto il giornale, aggiungendo che il bilancio potrebbe aumentare, secondo un funzionario. In Odisha, almeno nove persone sono morte a causa del caldo sabato, portando il bilancio delle vittime in due giorni a 54.

Gli esperti dicono che quando una persona è disidratata, l’esposizione al calore estremo addensa il sangue e causa guasti agli organi.

L’India non è estranea alle temperature estive torride. Ma anni di ricerca scientifica hanno scoperto che il cambiamento climatico sta facendo sì che le ondate di caldo diventino più lunghe, più frequenti e più intense.

Nel frattempo, gli exit poll di sabato sera prevedevano che il primo ministro Narendra Modi vincerà un raro terzo mandato consecutivo e sarà probabilmente rieletto con una forte maggioranza, conquistando la maggior parte dei seggi nella Lok Sabha, la camera bassa del parlamento indiano.

Quasi un miliardo di indiani si sono registrati per votare nelle massicce elezioni in sette fasi, organizzate nell’arco di sei settimane e conclusesi sabato sera.

Martedì si procederà allo spoglio dei voti e probabilmente entro la fine della giornata verranno resi noti i risultati finali.

Daniele Bianchi

Daniele Bianchi, nativo di Roma, è il creatore del noto sito di informazione Oltre la Linea. Appassionato di giornalismo e di eventi mondiali, nel 2010 Daniele ha dato vita a questo progetto direttamente da una piccola stanza del suo appartamento con lo scopo di creare uno spazio dedicato alla libera espressione di idee e riflessioni. La sua mission era semplice e diretta: cercare di capire e far comprendere agli altri ciò che sta effettivamente succedendo nel mondo. Oltre alla sua attività di giornalista e scrittore, Daniele investe costantemente nell'arricchimento della sua squadra, coinvolgendo professionisti con le stesse passioni e interessi.