La Turchia limita le esportazioni di 54 prodotti verso Israele fino al cessate il fuoco di Gaza

Daniele Bianchi

La Turchia limita le esportazioni di 54 prodotti verso Israele fino al cessate il fuoco di Gaza

La Turchia afferma che imporrà restrizioni sulle esportazioni verso Israele fino a quando non ci sarà un cessate il fuoco e non verranno aumentati gli aiuti nella Striscia di Gaza dopo che il governo israeliano si è rifiutato di consentirle di lanciare aiuti sul territorio assediato e bombardato.

Martedì il Ministero del Commercio turco ha dichiarato che non invierà più a Israele articoli appartenenti a 54 categorie che spaziano da prodotti siderurgici, carburante per aerei, attrezzature edili, macchinari, cemento, graniti, prodotti chimici, pesticidi e mattoni.

“Israele continua a violare palesemente il diritto internazionale e ignora la comunità internazionale”, si legge in una nota. “Questa decisione rimarrà in vigore finché Israele non dichiarerà immediatamente un cessate il fuoco e consentirà un flusso adeguato e ininterrotto di aiuti umanitari a Gaza”.

Secondo funzionari sanitari palestinesi, più di 33.000 persone sono state uccise nella guerra di sei mesi di Israele contro Gaza, e molti paesi esprimono indignazione per il bilancio delle vittime e per la crisi umanitaria derivante dagli attacchi e dall’assedio israeliani. Israele ha lanciato il suo assalto in risposta agli attacchi guidati da Hamas contro Israele il 7 ottobre, che hanno ucciso 1.139 persone, secondo un conteggio di Oltre La Linea basato su statistiche israeliane.

Il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz ha risposto all'annuncio della Turchia dicendo che il presidente turco Recep Tayyip Erdogan sta “ancora una volta sacrificando gli interessi economici del popolo turco per il suo sostegno agli assassini di Hamas a Gaza”.

Ha aggiunto che Israele prenderà “misure che danneggeranno l’economia turca”, tra cui il divieto di alcune importazioni turche, la richiesta alle organizzazioni con sede negli Stati Uniti di smettere di investire in Turchia e l’appello ai “nostri amici del Congresso americano” a imporre sanzioni alla Turchia.

L’annuncio delle restrizioni commerciali è arrivato il giorno dopo che la Turchia aveva promesso ritorsioni “passo dopo passo” contro Israele dopo aver bloccato gli aerei cargo militari turchi dal far cadere aiuti su Gaza.

“Continueremo il nostro sostegno ai nostri fratelli e sorelle palestinesi finché non cesserà lo spargimento di sangue a Gaza e vivranno in una Palestina libera, con Gerusalemme Est come capitale, sulla base dei confini del 1967”, ha detto martedì Erdogan, aggiungendo che la Turchia ha inviato 45.000 tonnellate di aiuti umanitari nella regione.

Israele e Turchia hanno ritirato i loro ambasciatori dalle rispettive capitali poco dopo l’inizio della guerra.

Da allora i due paesi sono in guerra verbale, con Erdogan che definisce Israele uno “stato terrorista”, sottolineando il sostegno turco a una soluzione a due Stati del conflitto israelo-palestinese e condannando l’occupazione decennale da parte di Israele del territorio palestinese durante un’udienza alla Corte internazionale di giustizia.

Ma Ankara non aveva imposto alcuna misura effettiva contro Israele fino a martedì, con gli scambi in calo dal 7 ottobre ma gli esperti in aumento ogni mese quest'anno, secondo i dati pubblicati dall'Assemblea degli esportatori turchi.

Il governo turco ha dovuto affrontare critiche interne per i suoi legami commerciali con Israele durante la guerra, qualcosa che è stato visto da molti come un fattore che ha contribuito a una grave sconfitta nelle elezioni locali di fine marzo.

“Sfortunatamente, anche su una questione come la crisi di Gaza, per la quale abbiamo fatto tutto il possibile e ne abbiamo pagato il prezzo, non siamo riusciti a respingere gli attacchi politici e a convincere alcune persone”, ha detto Erdogan ai media locali dopo le urne.

Martedì la radio dell'esercito israeliano ha citato Ron Tomer, presidente dell'Associazione dei produttori israeliani, che ha affermato che circa il 50% delle importazioni di cemento, acciaio e marmo in Israele provengono dalla Turchia, che, a suo avviso, è in procinto di “sostituire” altri settori, comprese anche le industrie edilizie israeliane.

“Forse ora il governo si sveglierà e si libererà dalla dipendenza turca”, ha detto.

Daniele Bianchi

Daniele Bianchi, nativo di Roma, è il creatore del noto sito di informazione Oltre la Linea. Appassionato di giornalismo e di eventi mondiali, nel 2010 Daniele ha dato vita a questo progetto direttamente da una piccola stanza del suo appartamento con lo scopo di creare uno spazio dedicato alla libera espressione di idee e riflessioni. La sua mission era semplice e diretta: cercare di capire e far comprendere agli altri ciò che sta effettivamente succedendo nel mondo. Oltre alla sua attività di giornalista e scrittore, Daniele investe costantemente nell'arricchimento della sua squadra, coinvolgendo professionisti con le stesse passioni e interessi.