John Lydon

John Lydon (Sex Pistols, Public Image): “Voterò Donald Trump”

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il frontman dei Sex Pistols John Lydon, alias “Johnny Rotten”, ha confermato che voterà “decisamente” per il presidente Donald Trump alle prossime elezioni presidenziali americane, inveendo contro i politici dell’establishment che hanno governato il paese. Lydon, che è inglese ma è diventato cittadino americano nel 2013, ha detto che non gli interessa la personalità di Trump, ma che rappresenta una continua scossa del sistema politico. “Non è l’uomo più adorabile sulla terra di Dio, ma non riesco a vedere l’opposizione darmi una qualche soluzione”.

Lydon (Sex Pistols): “Certo che voterò per Donald Trump”

“Sì, certo, voto per Trump”, aggiunse in seguito Lydon. Il 64enne, che guidava i Sex Pistols alla fine degli anni ’70 quando il gruppo punk britannico era al suo apice, in precedenza si era identificato come un sostenitore del presidente Barack Obama e ha criticato Donald Trump e minimizzato le sue prospettive di vincere un’elezione. Ha poi cambiato idea, dicendosi sostenitore del tycoon. “Quello che non mi piace è che i media di sinistra in America stanno cercando di diffamare Trump come un razzista e questo non è completamente vero”, ha detto il rocker. Il mese scorso, Lydon è stato stato fotografato mentre indossava una maglietta “Make America Great Again” all’interno del suo condominio.

Lydon, padrino del punk e del post-punk

John Lydon – ex Johnny Rotten – è una delle figure più influenti e venerate del rock & roll. Padrino del punk britannico, leader nel movimento artistico post-punk con Public Image Ltd.Lydon ha forgiato un corpus di opere ostinatamente idiosincratico che riflette sia il suo amore per sfidando il suo pubblico e il suo ringhiante disprezzo per la superficialità e il conformismo.

John Joseph Lydon è nato a Finsbury Park, Londra, Inghilterra, il 31 gennaio 1956, in una povera famiglia operaia di origine irlandese. All’età di sette anni, Lydon contrasse la meningite spinale e trascorse sei mesi a entrare e uscire dal coma; quando finalmente si riprese, la maggior parte della sua memoria era stata cancellata, e gli rimasero piccoli danni che alla fine apparvero in elementi della sua persona scenica (cioè, uno sguardo penetrante necessario per concentrarsi sugli oggetti). Si è dimostrato intelligente, creativo e altamente individualista, qualità che non erano necessariamente benvenute nel sistema scolastico britannico. Il trasferimento in una scuola statale da adolescente ha permesso una maggiore libertà di espressione e abbigliamento, che il giovane Lydon usò per coltivare l’aspetto “anti-moda” che il punk avrebbe poi reso popolare. Lydon frequentava un negozio di vestiti chiamato Sex, gestito da aspiranti guru del rock & roll e provocatori Malcolm McLaren e Vivienne Westwood; Alla fine la McLaren fece un provino a Lydon per una band che stava mettendo insieme chiamata Sex Pistols. L’audizione di Lydon consisteva nel muggire senza tono di “Eighteen” di Alice Cooper , ma lo fece con brio, e fu assunto come cantante.

Esistono diverse versioni dell’origine del nome Johnny Rotten; lo stesso Lydon afferma che è stato conferito dal chitarrista dei Pistols Steve Jones a causa dei suoi denti, che erano verdi al momento in cui si è unito alla band. Nei panni di Johnny Rotten, il personaggio interpretato da Lydon era beffardo, presuntuoso e sarcastico, ma con un’intelligente base di disillusione nei confronti dello status quo politico, sociale e musicale; mentre la McLaren e i Pistols avevano idee vaghe su come provocare il pubblico, lo era Lydon. L’atteggiamento e le parole che hanno fornito la direzione, mentre cantava “Anarchy in the UK” e prendeva in giro la stessa Regina in “God Save the Queen” (“lei non è un essere umano”). 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

La follia dei dpcm che aggirano il Parlamento e forzano la Costituzione
Il Governo ha dato il via libero al nuovo Dpcm [...]
Trump smaschera il complotto del Russiagate orchestrato da Clinton e Obama
Trump smaschera il complotto ordito ai suoi danni da parte [...]
Armenia, le forze azere lanciano attacco contro l’Artsakh
Come riferisce l'agenzia stampa Armenpress, le forze azere hanno lanciato [...]
Mascherine all’aperto: il delirio disperato di un governo che tira a campare
Mascherine all'aperto contro il coronavirus, quello che ci salverà dalla [...]
Scroll Up