Le menti del doppio Stato

“Le menti del doppio Stato”, l’ultimo libro di Fasanella e Cereghino

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Le menti del doppio Stato, ultima fatica sulle vicende del nostro Paese nel secolo scorso ed attuale.

Le menti del doppio Stato: Fasanella sul nostro “Deep State”

La storia patria degli ultimi 75 anni è stata oggetto di numerose manipolazioni finalizzate a preservare gli equilibri interni ed esterni, che hanno garantito la permanenza dell’Italia (da paese sconfitto) nell’Alleanza Atlantica e nella sua propaggine continentale, l’Unione Europea. Giovanni Fasanella e Mario J. Cereghino svelano l’origine e le premesse che hanno consentito lo sviluppo e il radicamento di un “Deep State” innestato dagli anglo-statunitensi nel nostro Paese. Uno “stato occulto”, una struttura su cui convergono e da cui si diramano funzionari ad ogni livello e membri dei cosiddetti “corpi intermedi”. Argomento ostico ma non privo di consistenza che negli Stati Uniti d’America è salito alla ribalta con l’elezione di Donald Trump (considerato nemico acerrimo) ed è stato persino oggetto di una serie televisiva britannica distribuita da Fox International.

Una ricerca condotta principalmente negli archivi inglesi di “Kew Gardens” e quelli della Fondazione Gramsci, ha consentito agli autori di svelare i retroscena inquietanti e la rete che ha collaborato alla realizzazione di operazioni coperte (covert operations) e compiute “sotto falsa bandiera” (False Flag). Alcune di esse (per diversi motivi) non andate a segno e miranti la genesi di un conflitto civile (prosecuzione del biennio ‘43-‘45) ed aventi come effetto immediato l’intervento militare alleato per porre fine all’esistenza del Partito Comunista Italiano ed ai primi governi nella neonata Repubblica Italiana.

“Le menti” e l’Italia a sovranità limitata

Non sono di certo novità. Questo perché, a grandi linee, l’opinione pubblica italiana è perfettamente consapevole del tentativo perenne (la strategia della tensione) di commissariare il regime politico sorto nel 1945 e la sua classe politica considerata troppo spregiudicata e inaffidabile, sino ad annientarla nel 1992 con l’operazione denominata “Tangentopoli”.

Ma Le Menti del Doppio Stato si addentra nello specifico, rivelando la collaborazione sotterranea tra soggetti politici e rispettivi referenti, solo apparentemente nemici. Una pletora di personaggi a cavallo tra servizi, malavita, obbedienze massoniche, estremismo e reducismo politico, che ha offerto la propria collaborazione (estorta anche attraverso ricatti) nell’immediato dopoguerra, agli organismi dell’intelligence britannica e statunitense.

Questa “holding” ha proseguito la propria attività occulta negli anni di piombo, con le nuove leve del terrorismo (nel libro si rivelano alcuni anelli di congiunzione) e molto probabilmente ha subito diverse menomazioni (frutto delle congiunture internazionali), ma che non è mai stata sciolta definitivamente. Quindi “passato, presente e futuro”, uno stimolo a indagare sul “bel Paese” a “Sovranità limitata”.

(di Luca Rossi)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

Sovranisti, sveglia! Sbarchi super e UE cannibale, altro che “5 furbetti”
Sovranisti, sveglia, non è il momento di indignarsi per le [...]
Brasile, ecco la petizione contro George Soros
Dal Brasile parte una grande raccolta firme contro il magnate [...]
Imagine “comunista” e la ridicola politicizzazione dell’arte
Hanno fatto discutere le dichiarazioni di Giorgia Meloni in merito [...]
Processateci tutti. Ora. Da cittadini, da amministratori, da politici
Processateci. Fatelo il prima possibile. Questo pensiamo, dopo ciò che [...]
Scroll Up