Esteri

James Le Mesurier, chi era (davvero) il fondatore dei Caschi bianchi

James Le Mesurier, il fondatore dei Caschi bianchi siriani, è morto. È stato trovato senza vita nel suo appartamento di Istanbul, apparentemente per un caso di omicidio, James Le Mesurier, ex spia britannica e fondatore dei Caschi bianchi siriani. Come riporta l’Agi, rimangono da chiarire le cause del decesso, ma tutto sembra ricondurre a un omicidio, come confermato dalla procura di Istanbul: meno probabile l’ipotesi del suicidio. Le Mesurier, ex agente dei servizi britannici Mi6, era noto per essere il fondatore dei Caschi bianchi siriani e della Ong Mayday Rescue. Attività, ricorda l’Agi, che è valsa a Le Mesurier il cavalierato, conferitogli dalla regina di Inghilterra, anche se le ombre sulla sua figura e sull’operato della sua Ong sono forti.

Chi sono (davvero) i Caschi bianchi siriani

Angeli salvatori e impavidi eroi che salvano i civili dalle macerie e dalle bombe. La macchina propagandistica occidentale ha più volte dipinto così i caschi bianchi siriani. Il colosso Netflix ha persino realizzato un docu-film premiato agli ultimi Oscar. Ma è davvero così? Chi sono i caschi bianchi? Degli eroici e pavidi volontari, emblema di moralità, coraggio, altruismo e ora nuovi idoli dell’establishment hollywodiano? La giornalista indipendente Vanessa Beeley si è più volte occupata degli elmetti bianchi -“Difesa civile siriana” – e dei loro legami con i terroristi di Jabhat Al-Nusra (ora Hayat Tahrir al-Sham), la diramazione siriana di Al Qaida.

“Il fondatore dell’organizzazione – scrive la giornalista – James Le Mesurier, si è laureato presso la Elite Royal Military Academy della Gran Bretagna, a Sandhurst, ed è un ufficiale britannico che faceva parte dell’intelligence, coinvolto in in una lunga serie di interventi militarti della Nato in molti teatri di guerra, tra cui Bosnia, Kosovo e Iraq. Egli vanta anche una serie di incarichi di alto profilo presso le Nazioni Unite, l’Unione europea, e nel Regno Unito. Inoltre, ha stretti legami con “La Academi”, la compagnia militare privata statunitense fondata nel 1997 da Erik Prince”.

Related Post

Chi era davvero James Le Mesurier

Come riporta Inside Over, Come molti altri ufficiali dell’esercito britannico, Le Mesurier ha frequentato la Royal Academy of Military, dove si è diplomato con il massimo dei voti, ricevendo persino la Medaglia dalla Regina. In seguito ha servito l’esercito britannico in molti teatri di guerra. In particolare, ha lavorato come capo dell’intelligence inglese a Pristina, in Kosovo. Nel 2000, Le Mesurier ha lasciato l’esercito e ha iniziato a lavorare per le Nazioni Unite, poiché “l’aiuto umanitario è più efficace” di un esercito nei teatri di guerra, secondo la sua esperienza.Prima di fondare i Caschi bianchi, Le Mesurier ricopre ruoli di prim’ordine nell’Olive Group, un’organizzazione privata di mercenari che si è poi fusa con Blackwater-Academi in quello che oggi è conosciuto come Constellis Holdings. Poi, nel 2008, Le Mesurier lascia l’Olive Group dopo essere stato nominato direttore della Good Harbor Consulting, presieduta da Richard A. Clarke, un veterano della sicurezza nazionale statunitense sotto le amministrazioni Bush e Clinton.

 

Condividi:

Articoli recenti

Guerra ucraina: e se la Nato, in futuro, venisse messa in dubbio?

La crisi ucraina porta a questo dubbio, legittimo, sul futuro della Nato. La guerra è… Continua a leggere

6 giorni fa

Politicamente corretto, l’arma degli studenti per fregare gli adulti

Quella viscida poltiglia chiamata politicamente corretto, che tra asterischi, schwa e assurde rivendicazioni ammorba il… Continua a leggere

2 settimane fa

Auguri, immenso Totò, elegante innovatore della lingua italiana

Il 15 Febbraio di 124 anni fa, nel rione Sanità di Napoli nasceva Totò, al… Continua a leggere

2 settimane fa

Covid: il “rischio zero”, ovvero la nuova età (fallace) dello spirito

Più volte, nel corso dell’ultimo anno di Covid, il rischio zero - ossia l’eradicazione totale… Continua a leggere

2 settimane fa

E adesso chiedete scusa a Trump

Si dovrebbe chiedere scusa a Donald Trump. Con un po' di imbarazzo, per averla sparata… Continua a leggere

2 settimane fa

Pacifico: “Ha ragione Macron, sì al dialogo con la Russia”

Focalizzare lo sguardo esclusivamente sulla crisi militare in Ucraina è un esercizio che, se non… Continua a leggere

3 settimane fa