Wikileaks, così la CIA spiava chi faceva visita a Julian Assange

Wikileaks, così la CIA spiava chi faceva visita a Julian Assange

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Un server privato pieno di informazioni sensibili su cittadini russi e statunitensi che si recavano in visita a Julian Assange, al quale i servizi segreti americani avevano pieno accesso: così la CIA spiava gli incontri del fondatore di Wikileaks Julian Assange.

Questo emerge dallo scoop del quotidiano spagnolo El País, che a seguito della pubblicazione degli audio e dei video registrati illegalmente dalla compagnia di sicurezza Undercover Global ha contribuito ad aprire le indagini sul suo direttore, l’ex militare David Morales.

Così la CIA spiava chi faceva visita a Julian Assange

Come riporta la testata spagnola El País, David Morales, direttore e fondatore della compagnia privata di sicurezza Undercover Global S.L., incaricata della difesa dell’ambasciata ecuadoregna a Londra durante il lungo soggiorno di Julian Assange, ha chiesto al suo team di catalogare “con la massima priorità” i cittadini statunitensi e russi che facevano visita al fondatore di Wikileaks.

L’indagine a carico di Morales, ora nelle mani della Corte Suprema spagnola, è stata ordinata dal giudice José de la Mata ed è iniziata dopo che il quotidiano spagnolo ha pubblicato gli audio e i video che dimostravano come la Undercover Global spiasse i meeting che Assange teneva in ambasciata.

Morales, ex militare, ha dichiarato sia verbalmente, sia attraverso alcuni documenti inviati ai suoi collaboratori che, nonostante fosse stato formalmente assunto dall’allora presidente dell’Ecuador Rafael Correa, lui lavorava “per gli americani”, ai quali inviava regolarmente documenti, video e audio degli incontri tenuti da Assange.

I microfoni all’ambasciata dell’Ecuador
Wikileaks, così la CIA spiava chi faceva visita a Julian Assange

Dopo che, nel dicembre del 2017, sono state installate nuove telecamere all’Ambasciata dell’Ecuador, Morales ha chiesto ai tecnici di dotarle di tre canali di accesso streaming: “Uno per l’Ecuador, uno per noi e uno per X”. Quando uno dei tecnici ha chiesto a Morales di chiedere “agli americani” il modo in cui avrebbero avuto accesso alle telecamere, le sue risposte sono sempre state evasive.

Morales ha ordinato di installare microfoni negli estintori e anche nel bagno delle donne, dove gli avvocati di Assange si riunivano in quanto credevano di essere maggiormente al sicuro; il fondatore dell’agenzia di sicurezza si è anche raccomandato di mettere degli adesivi ai bordi delle finestre, così che i vetri non tremassero e la CIA potesse ascoltare meglio con i microfoni laser a distanza.

Ma la violazione della privacy di Assange, secondo El País, andava ben oltre la registrazione dei suoi incontri: quando un collaboratore di Assange in visita all’Ambasciata ha portato con sé suo figlio neonato, Morales ha fatto raccogliere il pannolino dalla spazzatura per  esaminare il DNA e determinare se il bambino fosse un figlio segreto del fondatore di Wikileaks.

“Spiate i russi e gli americani”

Lo spionaggio della CIA nei confronti del fondatore di Wikileaks Julian Assange, riporta il quotidiano spagnolo, è aumentato dopo la salita al potere in Ecuador di Lenin Moreno. In quel periodo, Morales volava frequentemente a Washington, dove tra i suoi maggiori clienti aveva Sheldon Adelson, magnate della catena di hotel e casinò Las Vegas Sands, in ottimi rapporti con il presidente americano Donald Trump e che vanta, come capo della sua sicurezza personale, un ex alto grado della CIA.

Tra le altre cose, Morales aveva dato priorità assoluta allo spionaggio dei cittadini russi e americani che facevano visita ad Assange. Tutte le informazioni venivano raccolte all’interno di un server FTP (File Transfert Protocol) localizzato a Jerez de la Frontera, il quartier generale della UC Global.

Gli impiegati della compagnia di Morales, infatti, non solo documentavano con video e audio tutte le conversazioni che avvenivano con Assange ma, nel caso di cittadini russi o americani, prendevano tutti i dati contenuti nei loro cellulari e computer.

Il quotidiano spagnolo ha rivelato che a questo server aveva libero accesso la CIA: gli indirizzi IP registrati dal server provengono tutti dagli Stati Uniti, e uno di essi coincide con quello di una compagnia di sicurezza che lavora per il Federal Bureau of Investigation.

(di Federico Bezzi)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Gianni Berrino (FdI): riportare a destra la tutela dell’ambiente
Abbiamo fatto una piccola chiaccherata con Gianni Berrino - Assessore [...]
Iwobi, Lega: “Mi chiamano ne***o da cortile”. E a sinistra tutto tace
Tony Iwobi, senatore Lega Nord, reagisce all'ipocrisia sempreverde dell'antirazzismo all'italiana. [...]
Fiat, addio all’Italia rampante e vincente che non c’è più
La Fiat non è più italiana. Qualcuno aveva espresso dubbi [...]
Progetto Nazionale, appoggio a Fratelli d’Italia in Emilia e Veneto [VIDEO]
Piero Puschiavo, Presidente di Progetto Nazionale, traccia la rotta del [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter

Scroll Up