Germania, Angela Merkel

Germania flop: cala produzione industriale

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Per la Germania i dati sulla produzione industriale di aprile sono pessimi. Come riporta LaPresse, i dati diffusi dall’Ufficio federale di statistica mostrano infatti in aprile un deciso calo della produzione industriale, che delude fortemente le attese con una flessione mensile dell’1,9% dopo il +0,5% di marzo. Il mercato si aspettava solo un rallentamento, sul passo comunque del +0,4%. Altro segnale poco incoraggiante, quello relativo alla bilancia commerciale, il cui avanzo nel quarto mese dell’anno si riduce a 17 miliardi di euro, tre in meno rispetto alla precedente rilevazione. Nello specifico, le esportazioni sono scese del 3,7% e le importazioni dell’1,3%.

Germania, cala la produzione industriale

In sintesi, il secondo trimestre dell’anno si è aperto male sui fronti dell’industria e del commercio. Quelli cioè dove è più forte l’impatto sul sistema tedesco dell’indebolimento della domanda globale. Ed è proprio verso questa dinamica che puntano il dito gli esperti della Bundesbank, che hanno diffuso oggi le nuove proiezioni di crescita dell’economia nazionale. Rispetto a quanto indicato lo scorso dicembre, la revisione al ribasso è drastica dal punto di vista della cresciuta del Pil: dal +1,6% si passa infatti a un +0,6% per il 2019 nel suo complesso. Nel 2020, poi, l’espansione economica dovrebbe invece tornare ad accelerare sul passo dell’1,2% per poi portarsi su un +1,3% nel 2021. Se Berlino piange, Roma non ha troppi motivi per ridere.

“La frenata dell’industria tedesca è un segnale non bello”, commenta a stretto giro il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, a margine di un evento della Federazione Gomma Plastica. “Lo abbiamo detto anche in occasione della nostra assemblea – ricorda il numero uno degli industriali – se la Germania arretra non è una notizia buona per l’Italia, essendo noi molto collegati alla filiera industriale tedesca, in particolare nell’automotive”. Guardando avanti, il tema dominante è poi quello dell’incertezza: per gli esperti della Bundesbank i rischi rimangono infatti sbilanciati verso il ribasso. Due i fattori da tenere in particolare conto: l’escalation di misure protezionistiche a livello internazionale e l’eventualità di una uscita disordinata del Regno Unito dall’Unione europea.

La Francia meglio della Germania

Come scrive Scenarieconomici, ad aprile la Francia registra un aumento della produzione manifatturiera dello 0,4% dopo il calo a marzo del 1,1%, Considerando i nostri rapporti con entrambe i paesi potremmo collocarci ad aprile in una situazione mediana. Ora ieri Draghi, per distribuire ottimismo e continuare a dire che tutto va bene e non ci sono problemi si è essenzialmente attaccato al settore costruzioni ed a quello servizi. Giusto, ma tutto il resto va molto male, ed è particolarmente preoccupante il calo degli investimenti.

(La Redazione)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Fake news, ABC mostra un falso video sui bombardamenti in Siria
ABC News, emittente americana di proprietà del gruppo Walt Disney, [...]
La protesta dei poliziotti: “Stufi di vederci mortificati, non siamo schiavi”
"Siamo servitori, non servi", questa la sintesi della protesta dei [...]
Soros, più di 8 milioni di dollari a ong e partiti in Italia
George Soros, pioggia di milioni a ong e partiti in [...]
Brexit, la Regina umilia Bruxelles: “Via il 31 ottobre dall’Ue”
La Regina lo ha confermato: il 31 ottobre sarà Brexit. [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter

Scroll Up