Juncker minaccia: "A Bruxelles niente lavoro per gli euroscettici"

Juncker minaccia: “A Bruxelles niente lavoro per gli euroscettici”

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Secondo quanto affermato dal Presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker, l’Ue si assicurerà che i candidati euroscettici non abbiano i migliori posti di lavoro a Bruxelles, indipendentemente dai risultati delle elezioni europee di maggio. A darne notizia è Breitbart.

In un’intervista rilasciata ai media polacchi durante il fine settimana, Jean-Claude Juncker ha respinto l’idea che il successo nelle urne dei partiti populisti e sovranisti rallenterà il processo di integrazione dell’UE. “In queste elezioni, coloro che promuovono il nazionalismo sciocco pagheranno un caro prezzo”, ha minacciato il presidente della Commissione europea, aggiungendo: “Nessuno lo sa, ma l’ultima volta ho rifiutato le candidature di sei dei Commissari che mi sono stati presentati dai governi nazionali” ha detto Juncker.

“Ricordo che i governi si limitano a proporre commissari. È il presidente della Commissione che li accetta e assegna le loro responsabilità”, si è vantato nell’intervista il Presidente della Commissione non eletto.

Parlando con Rzeczpospolita, Juncker ha criticato il fatto che, se il partito patriottico di Law and Justice (PiS) vincesse le elezioni parlamentari a novembre o se fosse sconfitto da una coalizione di attivisti dell’opposizione sostenuta dalla maggior parte degli stabilimenti di Bruxelles, comunque la Polonia non se ne andrebbe l’UE a causa dei benefici finanziari che dà al Paese.

“I polacchi non vogliono essere tagliati fuori da tutto questo”, ha dichiarato con sicurezza il politico lussemburghese, prima di aggiungere contraddittoriamente che la gente nell’Europa occidentale “non dovrebbe pensare che la Polonia sia solo nel blocco per soldi”.

Juncker Ha affermato che l’adesione della Polonia all’UE è il risultato dello “stato comune” slavo che condivide i “valori comuni” con altri paesi dell’UE, e ha affermato che i finanziamenti da Bruxelles “non sono un dono, ma un riconoscimento dell’ampiezza delle riforme effettuate”

(La redazione)

 

 

 

 

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Galateo, ovvero l’educazione perduta: riscopriamolo
Galateo, una parola che sentiamo spesso. "Non riempire troppo il [...]
Nodi marinari: esempi e storia di una tradizione millenaria
Saper fare un nodo è una cosa che può risultare [...]
I figli sardine anti Salvini, i papà anti Berlusconi: quei flash mob revival
C'è il paese dei gilet gialli e quello delle sardine (che [...]
L’esercito Siriano avanza nei territori di Idlib occupati dai Jihadisti
Le forze governative del presidente Assad avanzano lentamente nella parte [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter

Scroll Up