"Governo da processare all'Aia": l'ultima follia di Gino Strada

“Governo da processare all’Aia”: l’ultima follia di Gino Strada

Il fondatore di Emergency Gino Strada è tornato ad attaccare il governo giallo-verde sulla gestione dei flussi migratori. Affermazioni folli, pronunciate a Piazza Pulita. «Per dirla molto chiaramente, siamo governati da persone che non hanno nessuna considerazione per la vita umana, quella altrui ovviamente. Persone che dovrebbero essere portate davanti alla corte internazionale dell’Aia per crimini contro l’umanità. Persone che continuano a dire bugie approfittando della loro occupazione dei media».

A proposito di Gino Strada, riprendiamo quanto scritto di recente dal nostro direttore Stelio Fergola. «Caro Gino, va’ e non tornare mai più, soprattutto in barca (se ti è possibile). Abbiamo assistito con la solita pena alle tue ultime uscite. Salvini è razzista, dici, perché vuol applicare alla lettera tutte le regole che dicono, senza appello, che l’Italia non è il porto di destinazione dei clandestini provenienti dall’Africa. Come in realtà non dovrebbe esserlo nessuno, perché i clandestini sono clandestini e gente modesta come te sulla loro esistenza ha marciato per anni».

E ancora: «No, caro Gino Strada, non sei un santo e nemmeno una brava persona. Forse nel privato della tua vita familiare sarai un buon padre e un buon marito, non lo so e non mi interessa, anche Salvatore Riina pare fosse molto affettuoso con i figli. Tranquillo, non sei Riina. Almeno quello no. Sei “solo” un individuo opaco, che ha fatto della retorica e dell’inconsistenza la sua ragione di vita. Oddio, anche un po’ di ricchezza, diciamolo pure. Qualche anno fa si scoprì che la tua buonissima Emergency incassava 39 milioni di euro, ma non si sapeva da chi provenissero».

(la Redazione)

 

 

 

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Lampedusa, ora il sindaco Martello è per l’accoglienza: le élite ignorano la volontà popolare
Ora il sindaco di Lampedusa Totò Martello è per l'accoglienza. [...]
Gramellini contro i “kattivisti”: il solito moralismo chic
Massimo Gramellini si schiera a difesa del fenomeno Greta Thunberg e [...]
Non si muore più nel Mediterraneo, ma agli immigrazionisti non va giù
Solo un morto ritrovato nel 2019. Quanto ai dispersi, se [...]
Oltrelalinea attiva il chatbot
Dopo il restyling del sito web, stiamo cercando di utilizzare [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter