"Non faccio figli per il cambiamento climatico": il delirio #Birthstrike

“Non faccio figli per il cambiamento climatico”: il delirio #Birthstrike

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Con #Birthstrike, le femministe hanno deciso di non avere più figli per via del «cambiamento climatico». Dopo le parole della deputata dem Alexandria Ocasio-Cortez, ecco che su Elle si racconta della donna che ha fondato il movimento #Birthstrike, Blythe Bepino. «Solo un paio di anni fa ho incontrato il mio partner di cui sono profondamente innamorata e con lui ho sentito il desiderio di avere dei figli. Ero arrivata a quel punto della mia vita in cui molti dei miei amici avevano dei figli e all’improvviso mi è sembrata una bella idea. Parallelamente a questo crescente desiderio di maternità è però aumentata anche la mia consapevolezza delle sfide climatiche che stiamo vivendo».

La donna, spiega Elle, ha poi così deciso di condividere la sua scelta di non avere figli, «in un mondo stravolto dal climate change», con altre donne attive in vari gruppi Facebook in difesa dell’ambiente: «Ho spiegato loro: ‘Hai circa la mia età: che cosa pensi dei bambini?’. Sono riuscita a fare questa domanda a un po’ persone e sono rimasta davvero sorpresa che molte rispondessero: ‘Non ne ho mai parlato con nessuno, ma sto davvero mettendo in discussione il mio desiderio di maternità».

Il movimento #Birthstrike – letteralmente: sciopero delle nascite – ha iniziato lentamente a raccogliere l’adesione di tante donne in tutto il mondo, «alcune motivate dall’evidenza che la scelta della non-maternità aiuti a limitare le emissioni di carbonio».

Nelle scorse settimane, Alexandria Ocasio-Cortez ha spiegato su Instagram: «Il nostro pianeta arriverà alla catastrofe se non facciamo cambiare rotta a questa nave … c’è consenso scientifico sul fatto che la vita dei bambini sarà molto difficile», ha detto Ocasio-Cortez su Instagram Live. «E anche se non hai figli, ci sono comunque bambini qui nel mondo, e abbiamo l’obbligo morale di lasciare un mondo migliore per loro».

Dopo l’odio indiscriminato verso il maschio bianco – rigorosamente eterosessuale – ora le femministe in salsa green odiano anche i figli.

(La Redazione) 

 

 

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Economia globale a rischio per un buco nero di politica monetaria
L'intero globo terracqueo si trova nuovamente vicino ad una recessione [...]
Galateo, ovvero l’educazione perduta: riscopriamolo
Galateo, una parola che sentiamo spesso. "Non riempire troppo il [...]
Nodi marinari: esempi e storia di una tradizione millenaria
Saper fare un nodo è una cosa che può risultare [...]
I figli sardine anti Salvini, i papà anti Berlusconi: quei flash mob revival
C'è il paese dei gilet gialli e quello delle sardine (che [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter

Scroll Up