Aldo Moro, in Puglia il brigatista sale in cattedra

Aldo Moro, in Puglia il brigatista sale in cattedra

A Bari è polemica per il convegno su Aldo Moro. Su invito della Regione Puglia, il co-fondatore delle Br, Alberto Franceschini sarà chiamato a parlare della storia brigatista davanti agli studenti in occasione in occasione delle commemorazioni per la strage di via Fani. «È vero che il diritto di parola non deve essere negato a nessuno perché è quello che eleva il nostro stato di esseri umani. Ma è anche vero che non può essere dato in questa maniera a chi è stato uno degli artefici di quello che è il periodo più buio della nostra Italia, soprattutto se ci saranno dei ragazzi di fronte a lui», il messaggio di protesta di Potito Perruggini, nipote di Giuseppe Ciotta, brigadiere di polizia ucciso nel 1977 da Prima Linea. Lo riporta LaRepubblica.it.

Al convegno, promosso dal consiglio regionale della Puglia, è in programma giovedì 14 marzo, parteciperanno anche il presidente del consiglio, Mario Loizzo, e Gero Grassi, componente della commissione d’inchiesta Moro 2. In chiusura dell’incontro la discussa intervista all’ex capo delle Br

Alla base dell’indignazione, scrive IlGiornale.it, non la libertà di parola per chi si è pentito della propria storia collaborando anche con la giustizia ma l’esempio che questo possa rappresentare su una platea non abbastanza informata sul clima degli anni Settanta. Cosa penserebbero i familiari degli agenti di scorta, e dello stesso Aldo Moro, ad ascoltare una lezione di politica terroristico/giudiziaria da parte di chi fu uno dei principali ideologi dell’organizzazione criminale di tanti omicidi? La Puglia chiede di togliere il patrocino da parte dell’Istituzione ed evitare che Franceschini venga visto, dalle scolaresche, come un simbolo di pentimento dopo anni di violenze.

(La Redazione)

 

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Lampedusa, ora il sindaco Martello è per l’accoglienza: le élite ignorano la volontà popolare
Ora il sindaco di Lampedusa Totò Martello è per l'accoglienza. [...]
Gramellini contro i “kattivisti”: il solito moralismo chic
Massimo Gramellini si schiera a difesa del fenomeno Greta Thunberg e [...]
Non si muore più nel Mediterraneo, ma agli immigrazionisti non va giù
Solo un morto ritrovato nel 2019. Quanto ai dispersi, se [...]
Oltrelalinea attiva il chatbot
Dopo il restyling del sito web, stiamo cercando di utilizzare [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter