Uomini, non ascoltate il femminismo isterico!

Uomini, non ascoltate il femminismo isterico!

Appartengo ad una generazione fortunata in cui l’aspetto più ributtante dell’ 8 Marzo era l’odore nauseabondo delle mimose che venivano regalate alla donne. Le polemiche di questo giorno “di festa” erano, infatti, al massimo concentrate sulla natura meramente commerciale della ricorrenza e nessuno si sarebbe mai immaginato la deriva grottesca che le rivendicazioni femminili, in questa giornata particolare e nel resto dell’anno in generale, avrebbero assunto.

Talmente paradossali, da rendere molestia o gesto comunque inopportuno anche l’omaggio di un fiore alle signore, che oggi sembrano costantemente impegnate a respingere assalti sessuali, pregiudizi professionali e stereotipi di bellezza. Eppure tante, come me, son cresciute in famiglie in cui la prevaricazione e mortificazione della donna non è mai esistita, dove persino le nonne avevano un ruolo ben definito e cruciale in famiglia, nella generazione precedente a quella dei nostri genitori.

Il femminismo nel dopoguerra era divenuto “ancella del capitalismo”: emancipazione dai ruoli tradizionali della donna e schiavitù ai ritmi lavorativi della fabbrica, dell’ufficio e, più di recente, a quelli alienanti e impossibili della grande distribuzione. Ma negli ultimi anni la deriva femminista ha toccato abissi ben peggiori, con la costante criminalizzazione dei comportamenti maschili, anche solo galanti o sornioni, la rivendicazione del brutto e del respingente come contro-canone da opporre a quelli della grazia e della femminilità, liquidati – sulla scorta del peggiore stereotipo – come mortificanti e limitanti per una donna.

In questa giornata in cui l’idiozia e l’isterismo femminaro trovano più che mai la loro celebrazione, il mio augurio va agli uomini. Non cedete. Continuate con la galanteria e la gentilezza: tante donne le apprezzano sempre.
Mantenete la posizione.

Non travestitevi da “suffraggetti”, perorando cause improbabili per compiacere individui del sesso opposto che troveranno comunque modo di contestarvi comportamenti “oppressivi e squalificanti” nei loro confronti, salvo poi lasciarvi per il peggior esemplare di maschio sessista e impenitente, che a loro fa sempre tanta gola.
Resistete.

Il bombardamento mediatico è costante, ma le fonti di provenienza sono sempre le stesse: autoreferenziali, demenziali, rappresentative di una porzione non certo maggioritaria dell’altra metà del cielo.
In questo 8 Marzo, da “donna lavoratrice non frustrata”, ma soprattutto moglie e madre, io dico: viva gli Uomini!
E abbasso le avvilite che vorrebbero piegare ai livelli di squallore e disagio delle loro lugubri vite tutta la narrazione dei rapporti complessi, tormentati e meravigliosi fra uomo e donna.

(di Febe Polluce)

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Il PD non muore mai
Non muore mai il PD, per lo meno non muore [...]
Insegnanti, 1000 euro in meno rispetto a 10 anni fa
1000 euro in meno. Questo l'impoverimento degli insegnanti negli ultimi [...]
Obama e la Clinton si vergognano a parlare di vittime cristiane
"Easter worshippers", espressione con cui Obama e Clinton si sono [...]
Robert Sarah: “In Sri Lanka violenza islamista barbara”
Robert Sarah: se c'è qualcuno che parla chiaro e ignora [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter