L'Ong torna nel Mediterraneo: ecco cosa vuole fare

L’Ong torna nel Mediterraneo: ecco cosa vuole fare

Le Ong tornano a sfidare il governo italiano. Come riporta IlGiornale.it, la Mare Jonio, nave di Mediterranea, si prepara a salpare la prossima settimana. «La Mare Jonio sta per mollare gli ormeggi ed è pronta a partire alla volta del Mediterraneo Centrale per tornare ad essere là dove è necessario monitorare, testimoniare e soccorrere» spiega Mediterranea Saving Humans nel suo profilo Facebook.

«La partenza è prevista tra una settimana esatta, il 13 marzo, in attesa delle ispezioni a bordo programmate dalla Capitaneria di Porto di Palermo per domani 7 e l’11 di questo mese». L’Ong italiana è una delle poche rimasta nel Mediterraneo per soccorrere i migranti.

Come riporta Il Post, La nave Mare Jonio, battente bandiera italiana, è al centro di un progetto promosso da diverse associazioni, ong e parlamentari italiani di sinistra per «svolgere attività di monitoraggio, testimonianza e denuncia della drammatica situazione» in cui si trovano i migranti che «in assenza di soccorsi» tentano di raggiungere le coste italiane dalla Libia. Nella conferenza stampa di presentazione della nave, la prima di questo tipo battente bandiera italiana, il progetto è stato definito «un’azione non governativa, di disobbedienza morale e obbedienza civile».

Evidentemente, per le Ong il rispetto dell’azione politica di un governo sovrano democratico è un optional.

(La Redazione)

 

 

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Europee: rivoluzione sovranista? Parte “Voci Corsare”
Elezioni europee: sarà "rivoluzione sovranista"? Parte con questo interrogativo "Voci [...]
Allora, Radio Radicale, com’è questo libero mercato?
Liberisti con i soldi degli altri È cosa fatta. Scaduta [...]
Brexit, il golpe delle élite contro il popolo
La lezione sulla Brexit è chiara: la volontà dei cittadini [...]
Mirandola: nordafricano dà fuoco ad una caserma di polizia, 2 morti
A Mirandola, provincia di Modena, è stato appiccato un incendio [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter