Sergej Lavrov epico: così umilia il giornalista del Post

Sergej Lavrov epico: così umilia il giornalista del Post

Che Sergey Lavrov sia un genio della comunicazione e uomo dall’innato senso dell’umorismo, lo si sa. Lo ha dimostrato anche la 55ma conferenza di sicurezza di Monaco, nella quale il Ministro degli Esteri russo ha replicato con sarcasmo a una domanda – in aperta malafede – di un giornalista del Washington Post a proposito del presidente siriano Bashar al-Assad.

«La Russia è ora il garante della sicurezza della Siria» ha osservato Josh Rogin del Post. «Congratulazioni. Come farà la Russia però a garantire che la Siria smetta di minacciare la sicurezza della regione e che Assad smetta di minacciare il suo stesso popolo?».

Sergey Lavrov non è certo uomo che si fa cogliere impreparato a domande di questo genere. «Penso che qualunque cosa io risponda, tu scriverai quello che vuoi, quindi fallo» ha replicato il capo della diplomazia russa, generando risate e applausi in sala.

 

Sergej Lavrov sulla zona cuscinetto

A proposito di una zona cuscinetto nel nord della Siria, proposta dal Presidente degli Usa Donald Trump, Sergej Lavrov ha osservato: «Il Presidente Trump vuole creare una zona cuscinetto nel nord della Siria, ed è difficile per me commentare questo. Ci sono vari piani che sono illegittimamente sul territorio siriano, che vogliono coinvolgere altri attori illegittimi, e questo non aiuta di certo».

(di Roberto Vivaldelli)

 

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Lampedusa, ora il sindaco Martello è per l’accoglienza: le élite ignorano la volontà popolare
Ora il sindaco di Lampedusa Totò Martello è per l'accoglienza. [...]
Gramellini contro i “kattivisti”: il solito moralismo chic
Massimo Gramellini si schiera a difesa del fenomeno Greta Thunberg e [...]
Non si muore più nel Mediterraneo, ma agli immigrazionisti non va giù
Solo un morto ritrovato nel 2019. Quanto ai dispersi, se [...]
Oltrelalinea attiva il chatbot
Dopo il restyling del sito web, stiamo cercando di utilizzare [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter