A Krasnoyarsk, in Siberia, le prossime Universiadi invernali 2019

A Krasnoyarsk, in Siberia, le prossime Universiadi invernali 2019

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Dal 2 al 12 marzo a Krasnoyarsk, in Siberia, si terrà l’Universiade 2019, la XXIX edizione dei giochi olimpici invernali universitari. Il programma dell’evento sportivo include gare in 11 diversi sport. Si prevede che il numero dei partecipanti provenienti da 59 paesi del mondo, supererà le 3 mila presenze.
L’Italia non solo parteciperà, ma proprio dalla città di Torino è partita la “fiaccola del sapere” che darà l’inizio ai giochi. Nella cerimonia di accensione il 20 settembre scorso nel capoluogo piemontese ha preso parte anche il sindaco di Krasnoyarsk Sergey Eremin.

Riguardo ai lavori di preparazione dell’evento il Primo ministro della Federazione Russa Dmitry Medvedev ha dichiarato: “La Russia, non è la prima volta che organizza grandi e prestigiose competizioni internazionali: i Giochi Olimpici di Sochi nel 2014, la Coppa del Mondo che si è svolta lo scorso anno. Di sicuro, molti atleti e tifosi di diversi paesi le hanno definite come le migliori, avendo riscontrato un’atmosfera calda e ospitale, un eccellente lavoro di tutti i servizi e sicurezza. In generale, anche ora, da noi si aspettano lo stesso.., sono sicuro saremo all’altezza di queste aspettative”.

Attesti più di 100 spettatori da tutto il mondo

Più di 110 mila spettatori da diversi paesi che hanno ricevuto l’invito ad assistere alle competizioni hanno già acquistato i biglietti. In Russia l’evento è a tal punto atteso e ambito che oltre 40 mila persone hanno espresso il loro desiderio di parteciparvi come volontari nei vari servizi e compiti previsti. Nonostante ciò ne verranno scelti e impiegati solo 5.000.
Come sottolineato dal Primo ministro, per la preparazione e la gestione dell’Universiade 2019, per oltre quattro anni sono stati stanziati più di 50 miliardi di rubli dal bilancio federale, ai quali si sono aggiunti oltre 30 miliardi di rubli presi dal bilancio della Regione di Krasnoyarsk.

Sono stati costruiti o ricostruiti ben 34 impianti: complessi sportivi, il centro direzionale, strade, piste, presidi medici, case, convitti per studenti.. tutto ciò ritenuto necessario.

Per quanto riguarda la sicurezza, in occasione dei giochi verranno prese misure straordinarie non solo a Krasnoyarsk ma in tutta la regione, una bozza del relativo decreto è già stata pubblicata. Il progetto definisce anche la sede operativa interdipartimentale per la sicurezza delle Universiadi. Il capo del quartier generale per la sicurezza, già operativo dal 1° di febbraio, sarà il primo vicedirettore del FSB della Federazione Russa. Tra i numerosi compiti della sede anche la determinazione dell’elenco delle zone controllate e delle zone vietate, nonché la definizione della procedura per l’accesso dei visitatori e l’elenco degli oggetti vietati da non portare in queste zone. La sede sarà inoltre impegnata nella protezione delle aree sia controllate che interdette.

Dal punto di vista ambientale durante lo svolgimento delle Universiadi, sempre lo stesso decreto prevede la parziale sospensione dell’attività delle industrie e delle imprese che utilizzano sostanze esplosive, radioattive, chimiche e biologiche a Krasnoyarsk e nei distretti limitrofi.

Come pubblicato sul sito della FISU (Federazione Internazionale degli Sport Universitari) il 21 gennaio, poco più di 40 giorni prima dell’avvio dei giochi delle Universiadi, a Krasnoyarsk sono giunti i rappresentanti della Federazione per la preliminare doverosa visita d’ispezione nella città ospitante. Il team era composto dal primo vicepresidente della FISU Leonz Eder, dal direttore generale della Federazione Paulo Ferreira, dal direttore responsabile per gli sport invernali Milan Augustin e dal consulente per il protocollo Tatsiana Andrushka.

Ispezione conclusa con successo

L’ispezione durata cinque giorni del team della FISU si è concentrata principalmente sui preparativi finali per le cerimonie d’apertura e chiusura e su altre procedure relative al protocollo degli eventi, come pure sulla gestione delle zone in ogni sede.
Mentre era a Krasnoyarsk la delegazione della FISU ha avuto modo anche di vedere le piste in azione durante eventi sportivi di Snowboard Cross e Ski Cross e di Snowboard PGS (slalom gigante parallelo) e PS (slalom parallelo), facendosi un giudizio positivo. Tale valutazione è chiaramente espressa nelle parole di Leonz Eder che ha osservato:

“Il lavoro complessivo del Comitato organizzativo di Krasnoyarsk-2019 rimane ai massimi livelli”, aggiungendo inoltre: “Qui non abbiamo avuto sorprese, quello che qui vediamo sono preparativi molto veloci e molto professionali. Tutto ciò che vediamo è impressionante e non vediamo l’ora di accogliere gli studenti-atleti di tutto il mondo per questo evento”.

Davanti a giudizi così positivi, in Russia ci si augura che i media occidentali, come già accaduto durante la preparazione del Campionato mondiale di calcio del 2018 e delle Olimpiadi invernali di Sochi nel 2014, non inizino a screditare l’evento semplicemente per il fatto che si svolgerà in Russia; magari iniziando a parlare di condizioni di povertà della popolazione, di corruzione nella costruzione delle infrastrutture, o semplicemente d’incapacità da parte della Federazione Russa ad organizzare simili eventi. Purtroppo è un leitmotiv ricorrente quando sui media occidentali si parla della Russia.

(di Eliseo Bertolasi)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

“Trump vuole porre fine alle guerre e io sono con lui” dice Rand Paul
Rand Paul appoggia Donald Trump nella scelta di ritirare gli [...]
“Biloslavo fascista, via dall’Università”: a Trento avviene l’incredibile
"Biloslavo fascista". Sembra quasi una barzelletta, ma da anni è [...]
Fake news, ABC mostra un falso video sui bombardamenti in Siria
ABC News, emittente americana di proprietà del gruppo Walt Disney, [...]
La protesta dei poliziotti: “Stufi di vederci mortificati, non siamo schiavi”
"Siamo servitori, non servi", questa la sintesi della protesta dei [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter

Scroll Up