Le élite odiano la democrazia

Le élite odiano la democrazia

Le continue crisi parallele nel Regno Unito e negli Stati Uniti ci invitano a contemplare le verità sgradite sulla natura della politica nel 21 ° secolo. In entrambi i paesi, profonde divisioni hanno provocato la paralisi. In entrambi, quella paralisi rappresenta qualcosa di più profondo: disaccordo sul significato e sulla condotta corretta della democrazia contemporanea. Eppure ci sono poche prove che le élite su entrambe le sponde dell’Atlantico comprendano il vero problema in questione. Quindi, è probabile che la situazione peggiori.

In un senso nominale, il loro problema immediato è incentrato sulla Brexit – come, o anche se onorare i risultati di un referendum nazionale del 2016 in cui la maggioranza dei cittadini britannici ha espresso il desiderio di lasciare l’Unione europea. In un senso nominale il nostro problema immediato è lo shutdown. Eppure oscurando questo shutdown c’è una persistente indisponibilità ad accettare come legittimi i risultati delle elezioni presidenziali del 2016 in cui gli americani hanno votato per Donald Trump in numero sufficiente a dargli la maggioranza nel Collegio elettorale.

In entrambi i casi, l’esito di un processo manifestamente democratico ha confuso le aspettative dell’élite. Quello che è successo non sarebbe dovuto accadere. In pochi mesi, la marcia in avanti verso una società multiculturale e un ordine globale integrato, con prodotti ben raffinati di una meritocrazia attentamente calibrata e opportunamente diversificata che tirava le fila, è stata bloccata.

Da un giorno all’altro, una visione alternativa di grandezza – certamente il termine politico della stagione – si è manifestata. Per i sostenitori della Brexit, la grandezza significava tornare ai giorni di gloria in cui il Regno Unito era stato un potere con cui fare i conti sul palcoscenico mondiale. Per i pro-Trump, significava tornare a quando producevamo cose che altri compravano e quando gli interessi nazionali identificabili modellavano la politica estera degli Stati Uniti.

Il fatto che l’utopia immaginata di una Gran Bretagna dominante prima del 1914 o di un’America dominante dopo il 1945 sia mai esistita è al di là della questione. Nel 2016, un gran numero di cittadini in entrambi i Paesi ha concluso che la soluzione ai loro reclami doveva essere trovata nel riaffermare l’indipendenza nazionale, con la Gran Bretagna che si liberava dall’UE e dagli Stati Uniti recidendo i vincoli che sono costati molto senza fornire benefici visibili.

Quando simili affermazioni della volontà popolare si verificarono in altri paesi – i manifestanti che inondando piazza Tiananmen nel 1989, le folle in Piazza Rossa che aiutano a sconfiggere il tentato colpo di stato dell’agosto del 1991, la rivolta del 2011 conosciuta come la primavera araba – le élite britanniche e americane applaudirono. In questi momenti, sono tutti per la democrazia. Tuttavia, quando l’esercizio della democrazia in casa produce esiti che possono influenzare negativamente i loro interessi, intonano una melodia diversa. 

La politica è sempre irta di ipocrisia. Eppure l’ipocrisia oggi in mostra a Londra e Washington è diventata difficile da digerire. Soprattutto da quanto non esitano a castigare altri governi per non aver onorato i principi democratici. 

In un recente editoriale contro la Brexit, l’editorialista del New York Times, Roger Cohen, scrive: “Una democrazia che non può cambiare idea non è una democrazia.” Parliamone. Ciò che Cohen intende veramente è questo: quando una democrazia arriva a una decisione che disapprovo, c’è sempre spazio per un ripensamento, tuttavia quando le decisioni ottengono la mia approvazione, diventano permanenti e irreversibili. Quindi, solo perché gli americani hanno eletto un presidente che ha promesso di ritirarsi dalla NATO e rovesciare Roe v. Wade non significa che tali possibilità siano degne di considerazione. L’adesione alla NATO è per sempre. Così anche i diritti all’aborto.

È senza dubbio vero che il Regno Unito e gli Stati Uniti sono democrazie, dove la gente ha permesso di parlare. Ma per essere più precisi, sono democrazie “curate”, con membri di una élite non eletta che controllano i confini di un’opinione accettabile ed escludono gli eretici. I membri di questa élite sono, secondo la loro stessa stima, guardiani della verità e del buon senso. Sanno cosa è meglio.

Ma cosa succede se le élite sbagliano? Cosa succederebbe se le politiche promulgate producessero ingiustizie grottesche o portassero a una guerra permanente? Chi ha quindi l’autorità di ignorare i guardiani, se non il popolo stesso? In quale altro modo le élite potranno riconoscere la loro follia e cambiare rotta?

(di Andrew J. Bacevich, the American Conservative – Traduzione di Roberto Vivaldelli e Day Liu)

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Salvini – USA, perché può essere una svolta
Salvini a Washington usa parole chiare e dure: "Le risorse [...]
Landini umiliato: gli iscritti alla Cgil votano Lega
Mentre il Segretario della Cgil Maurizio Landini annuncia che il suo [...]
UE: sempre più franco-tedesca, dogmatica e ipocrita
Di nuovo un’UE a due velocità. Nel primo trimestre del [...]
Danimarca: la sinistra chiude tutti i centri profughi
Linea durissima sull'immigrazione della sinistra socialdemocratica della Danimarca. Come riporta [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter