L'Ucraina non merita il sostegno incondizionato dell'Occidente

L’Ucraina non merita il sostegno incondizionato dell’Occidente

Il recente scontro tra le navi militari russe e ucraine nello stretto di Kerch ha generato il panico. La NATO è stata costretta a convocare una riunione di emergenza con l’Ucraina e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha convocato una sessione urgente per discutere della crisi. Esercitando la loro consueta tendenza a semplificare eccessivamente le torbide rivalità geopolitiche, i funzionari e i giornalisti occidentali hanno abbracciato la narrativa idiota secondo cui l’incidente è un altro caso della palese aggressione di Vladimir Putin e del “comportamento fuorilegge” contro il suo vicino democratico e pacifista. Proprio al momento giusto, CNN, MSNBC e altri media hanno pubblicato editoriali anti-russi mascherati da notizie.

In realtà, l’incidente dello Stretto di Kerch comporta una complessa combinazione di fattori. Essi includono il rapporto bilaterale russo-ucraino, i più ampi obiettivi di politica estera di Kiev e le volubili politiche interne dell’Ucraina.

Il presidente ucraino Petro Poroshenko doveva per forza sapere che la decisione di inviare tre navi da guerra attraverso lo stretto di Kerch sarebbe stata di disturbo. Lo stretto, che collega il Mar Nero e il Mar d’Azov, separa la penisola di Taman dalla penisola di Crimea. Nonostante l’annessione di Mosca a quest’ultima nel 2014, Kiev considera ancora la Crimea un territorio ucraino, posizione che gli Stati Uniti e i loro alleati sostengono con enfasi. Inoltre, il passaggio attraverso lo stretto è l’unico collegamento tra i porti dell’Ucraina del Mar Nero e quelli dell’Azov. Kiev, non a caso, vede lo stretto come acque internazionali. La Russia, tuttavia, considera le vie d’acqua come proprie acque territoriali e considera il tentativo di transito delle tre navi ucraine come una violazione.

Qualunque siano le motivazioni legali delle posizioni in competizione per ciò che riguarda la sovranità sulla Crimea e lo status dello Stretto di Kerch, la realtà è che la Russia controlla questa penisola ed è improbabile che possa mai riconsegnarla all’Ucraina, nonostante le richieste occidentali. Poroshenko doveva sapere che il suo tentativo di inviare navi da guerra attraverso uno stretto passaggio che il Cremlino considera territorio russo era quello di causare un incidente. Perché Kiev rischia (se non cerca avidamente) un tale confronto? E perché adesso? Ci sono diversi motivi probabili.

Kiev vuole aumentare la pressione sulla NATO, e in particolare sugli Stati Uniti, per prendere una posizione più dura contro Mosca. Nonostante la loro posizione ufficiale sul fatto che il Cremlino debba riconsegnare la Crimea e porre fine al sostegno per i separatisti filo-russi nell’Ucraina orientale, la politica occidentale appare sempre più vecchia e inefficace. Alcuni funzionari europei pensano addirittura che potrebbe essere il momento di riconsiderare (indebolire) le sanzioni economiche che l’Occidente ha imposto alla Russia. Il presidente Trump ha dichiarato che la Russia dovrebbe essere riammessa al gruppo G-7 delle principali potenze economiche.

Tale discorso è potenzialmente minaccioso per gli interessi dell’Ucraina. La realizzazione di un incidente che ricorda ai sostenitori occidentali di Kiev (e il resto del mondo) delle tendenze aggressive di Mosca rende meno probabile la possibilità di un avvicinamento limitato tra la Russia e la NATO o l’Unione europea.

I leader ucraini sono particolarmente determinati a coltivare una maggiore cooperazione strategica bilaterale con gli Stati Uniti. L’idea che l’amministrazione Trump abbia perseguito una politica “soft” nei confronti della Russia, che quasi equivale alla pacificazione, è sempre stata sopravvalutata. Le iniziative di Trump sono in realtà più dure di quelle che l’amministrazione di Barack Obama ha abbracciato. Questo è particolarmente vero per ciò riguarda il rapporto di Washington con Kiev. Mentre Obama ha costantemente rifiutato di fornire armi all’Ucraina, l’amministrazione Trump ha approvato due importanti vendite di armi, una delle quali comprendeva sofisticati missili anticarro. Le truppe degli Stati Uniti hanno partecipato a esercitazioni militari congiunte con le forze ucraine, e il segretario alla Difesa James Mattis ammette che gli Stati Uniti stanno addestrando unità ucraine in una base nell’Ucraina occidentale.

Poroshenko e i suoi soci vogliono incoraggiare e intensificare quelle tendenze. Sperano che la creazione di un nuovo incidente che sottolinea la condotta aggressiva della Russia porterà l’amministrazione Trump a incrementare le vendite di armi e altre forme di cooperazione militare bilaterale. Anche se Trump si dimostrasse riluttante ad adottare quel corso, la pressione interna e internazionale potrebbe lasciargli poca scelta. In effetti, i media occidentali hanno subito enfatizzato il fatto che Trump non abbia immediatamente condannato la Russia come il vero aggressore nell’incidente dello Stretto di Kerch.

Poroshenko ha quindi ampi motivi in fatto di politica estera per intraprendere le azioni che ha compiuto nello stretto di Kerch. Ha anche importanti incentivi politici e ideologici. Il suo governo non ha annunciato la data ufficiale per le elezioni presidenziali del 2019 in Ucraina fino a due giorni dopo lo scontro navale; ora è fissato per il 31 marzo. Dire che il momento dell’annuncio era sospetto è un eufemismo.

Nessun candidato, in un panorama estremamente affollato, è in grado di superare il limite del 50% necessario per evitare un ballottaggio, ma recenti sondaggi hanno indicato che Poroshenko gode di un consenso sorprendentemente scarso. La maggior parte dei sondaggi dimostra che riceverebbe tra l’8 e il 15 per cento del voto del primo turno. Il candidato principale è l’ex primo ministro Yulia Tymoshenko, con Poroshenko in terza posizione. Gli scandali di corruzione continuano a tormentare la sua amministrazione, rendendo la sua rielezione (o anche la sua capacità di arrivare il ballottaggio) tutt’altro che certa

Oltre a creare l’eggetto “Rally ‘Round the Flag”, rafforzando così lo status di Poroshenko, il sequestro russo delle navi ucraine ha dato al presidente una giustificazione per imporre la legge marziale in 10 regioni dell’Ucraina orientale, aree che potrebbero essere particolarmente ostili ai suoi politici prospettive. Potrebbe anche servire da base per rafforzare le già preoccupanti restrizioni dell’Ucraina alla libertà di espressione.

Questo dovrebbe turbare i sostenitori di Kiev in Occidente. Per condurre una guerra contro i separatisti orientali, Kiev non solo istituì la leva militare, ma arrestò i critici di quell’azione. Le autorità hanno incarcerato il giornalista e blogger televisivo Ruslan Kotsaba e l’hanno accusato di tradimento per aver fatto un video denunciando la legge sulla coscrizione. Kotsaba diventò il primo “prigioniero obiettore di coscienza” di Amnesty International in Ucraina dal 2014, anno della cosiddetta rivoluzione Maidan.

La vaghezza delle leggi applicabili (e l’assenza di qualsiasi revisione indipendente significativa o diritto di ricorso) è stata particolarmente allarmante. In effetti, sembra che chiunque contesti il ​​resoconto del governo sulla rivoluzione di Maidan (specialmente quelli che osano menzionare il ruolo degli elementi ultranazionalisti e neonazisti) o il conflitto nell’Ucraina orientale rischia di essere messo a tacere.

Bogdan Ovcharuk, portavoce dell’ufficio di Amnesty International a Kiev, ha espresso le preoccupazioni di molti sostenitori della libertà di espressione quando ha detto alla BBC: “Questo è davvero un pendio scivoloso. Una cosa è limitare l’accesso ai testi che sostengono la violenza, ma in generale vietare i libri perché i loro autori hanno opinioni ritenute inaccettabili per i politici a Kiev … è profondamente pericoloso. “Le conseguenze di una tale campagna, avvertì, avrebbero sicuramente danneggiato il tessuto su cui si fonda la libertà.

Eppure le politiche restrittive del governo di Kiev continuano senza sosta. A settembre 2015, le autorità ucraine hanno emesso un ordine che vieta 34 giornalisti e sette blogger di entrare persino nel paese. Il Comitato per la protezione dei giornalisti ha riferito che l’elenco appena pubblicizzato era solo parte di una lista nera più ampia che conteneva i nomi di 388 individui e più di un centinaio di organizzazioni a cui era vietato l’ingresso per motivi di “sicurezza nazionale” e che presumibilmente rappresentavano una minaccia per “Integrità territoriale” dell’Ucraina.

Human Rights Watch ha criticato il governo di Kiev nel settembre 2017 per aver imposto ancora più restrizioni ai giornalisti, specialmente ai corrispondenti stranieri. Il governo di Poroshenko ha persino promulgato la legislazione, escludendo le critiche al passato dell’Ucraina, compreso il ruolo svolto dal capo ultranazionalista della guerriglia (e collaboratore nazista) Stepan Bandera e dai suoi seguaci nella seconda guerra mondiale. Le disposizioni sulla censura e altre restrizioni sui media possono diventare ancora più diffuse e arbitrarie con la nuova dichiarazione di legge marziale di Poroshenko.

Gli ammiratori occidentali dell’Ucraina ignorano tali prove di questa condotta autoritaria, dal momento che questa cozza con il loro ritratto dell’illuminato Paese membro della comunità democratica. La realtà è che l’Ucraina incarna quello che l’analista della CNN Fareed Zakaria ha giustamente definito una “democrazia illiberale”.

Al regime di Poroshenko non deve essere garantito un indiscusso appoggio occidentale. Kiev non è al di sopra delle provocazioni per servire l’agenda interna della sua leadership politica o i suoi obiettivi di politica estera. Gli Stati Uniti non hanno in gioco interessi strategici o morali di vitale importanza nella disputa generale tra Ucraina e Russia, né tanto meno ne hanno nell’ultimo scontro domestico nello stretto di Kerch. Una posizione cauta e sobria è appropriata.

(di Ted Gale Carpenter, senior fellow del Cato Institute e collaboratore di the American Conservative – Traduzione di Roberto Vivaldelli)

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Per una giustizia italiana meno “liberale”
Lo stato della giustizia italiana riflette perfettamente alcune dinamiche che [...]
Ecco chi è Juan Guaidò, il golpista al servizio di Washington
Chi è veramente Juan Guaidò, l'autoproclamato Presidente ad interim del [...]
Censura a Bologna: impedita presentazione de “L’inganno antirazzista” di Stelio Fergola [VIDEO]
Impedita la presentazione, impedito il dibattito. Qualche blog "cittadino" l'aveva [...]
“L’UE? Si dissolverà come l’Unione Sovietica”: la previsione di George Soros
La «maggioranza addormentata degli europeisti» deve «svegliarsi» prima che l'Unione [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook