Crimea: attentato in una scuola, 18 morti e 50 feriti

Crimea: attentato in una scuola, 18 morti e 50 feriti

Questa mattina, una sparatoria nel Politecnico della città di Kerch, in Crimea, ha portato alla morte di almeno 18 persone e al ferimento di 40. Inizialmente si sospettava di una fuga di gas o un esplosivo, ma indagini approfondite hanno rivelato l’utilizzo di armi da fuoco.

Ambulanze e i servizi di primo soccorso della penisola si sono precipitati sul luogo poco dopo aver udito gli spari. I feriti sono stati immediatamente trasportati negli ospedali. Molti di loro sono in condizioni critiche e gli studenti di medicina sono accorsi nelle strutture sanitarie per assisterli. Finora è stato confermato che almeno 40 persone hanno riportato ferite lievi e traumi, secondo i servizi sanitari. I media locali hanno postato foto che mostrano gli attimi immediatamente successivi all’incidente. Si possono vedere le ambulanze e le persone ferite sulle barelle fuori dalla struttura.

È stato riferito dai media russi che l’attentatore, uno studente dello stesso istituto, avrebbe agito da solo e si sarebbe suicidato, e che quindi inquirente stanno indagando per “omicidio”, e non per “terrorismo”, come suggerito in un primo momento. L’area, in questo momento, è circondata da circa 200 militari russi. Seguiranno aggiornamenti.

(di Davide Pellegrino)

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Per una giustizia italiana meno “liberale”
Lo stato della giustizia italiana riflette perfettamente alcune dinamiche che [...]
Ecco chi è Juan Guaidò, il golpista al servizio di Washington
Chi è veramente Juan Guaidò, l'autoproclamato Presidente ad interim del [...]
Censura a Bologna: impedita presentazione de “L’inganno antirazzista” di Stelio Fergola [VIDEO]
Impedita la presentazione, impedito il dibattito. Qualche blog "cittadino" l'aveva [...]
“L’UE? Si dissolverà come l’Unione Sovietica”: la previsione di George Soros
La «maggioranza addormentata degli europeisti» deve «svegliarsi» prima che l'Unione [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook