Prosegue l'avanzata dell'esercito arabo siriano contro lo Stato Islamico

Prosegue l’avanzata dell’esercito arabo siriano contro lo Stato Islamico

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Stando a fonti filogovernative, il 17 giugno, l’Esercito Arabo Siriano e i suoi alleati hanno espugnato una piccola sacca dello Stato Islamico a Sud della stazione T2, vicino il confine siro-iracheno. I soldati governativi hanno messo in sicurezza il monte Kabt, la collina di Tell Shadid e le zone di Abar Warak e di Bir Atshan.

L’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani (SOHR) ha affermato che l’EAS ha ucciso 18 miliziani del Califfato e ha perso 8 soldati negli scontri.

Inoltre, secondo attivisti vicini a Damasco, l’Aeronautica Militare Siriana ha distrutto un convoglio dei jihadisti mentre stava cercando di fuggire verso le posizioni del gruppo terroristico a Nord della stazione.

Amaq, un’agenzia di stampa dello Stato Islamico, ha dichiarato che gli estremisti hanno teso un’imboscata a una colonna dell’esercito di Damasco a Est della stazione T3, nella campagna orientale di Homs. I miliziani wahabiti hanno distrutto un camion e un carro armato delle SAA con ordigni esplosivi improvvisati (IED) e missili anticarro (ATGM).

Negli ultimi due mesi, si è registrato un aumento degli attacchi dell’ISIS contro i soldati dell’esercito regolare nei governatorati di Homs, Deir Ezzor e al-Suwayda. In risposta a ciò, l’EAS e i suoi alleati hanno lanciato una serie di attacchi contro le ultime cellule dell’ISIL in quella zona.

(da Southfront – Traduzione di Carlo Parissi)
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Covid: il “rischio zero”, ovvero la nuova età (fallace) dello spirito
Più volte, nel corso dell’ultimo anno di Covid, il rischio [...]
E adesso chiedete scusa a Trump
Si dovrebbe chiedere scusa a Donald Trump. Con un po' [...]
Addio a Donatella Raffai, storica conduttrice di “Chi l’ha visto?”
È morta oggi la storica conduttrice di Chi l'ha visto?, [...]
Hoara Borselli e “la penna” (in mancanza di contenuti)
Se a sinistra c’è chi pensa di poter “ricostruire un’egemonia [...]

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.