Il Cinque Maggio: la morte di Napoleone Bonaparte

Il Cinque Maggio: la morte di Napoleone Bonaparte

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Ei fu. Siccome immobile,
Dato il mortal sospiro,
Stette la spoglia immemore
Orba di tanto spiro,
Così percossa, attonita
La terra al nunzio sta”

– Manzoni, “Il cinque maggio”.

Così apre Manzoni una delle sue più celebri poesie: “Il cinque maggio”, scritta in seguito alla notizia della morte dell’uomo che più di tutti gli altri incise a chiare lettere il suo nome nella storia moderna e contemporanea: Napoleone Bonaparte. Un nome così importante da aver segnato un periodo della storia europea e mondiale; non è un caso infatti se ci riferiamo al periodo che va dal 1799 al 1815 con il termine di “Napoleonico”. Napoleoniche sono le divise, napoleonici gli eserciti, napoleoniche le riforme e napoleonico è il diritto codificato dall’imperatore francese.

Ed è proprio sulla straordinaria parabola del generale còrso che s’è fondata la sua grandezza: nato nella Corsica da poco ceduta dai Savoia alla Francia, il giovane ufficiale d’artiglieria fu rivoluzionario, generale, politico, console, giurista e Imperatore. Grazie al suo genio militare infatti Napoleone fu il primo borghese ad autoproclamarsi imperatore del I Impero francese. Nonostante abbia provato a dar vita ad una nuova dinastia regnante in quell’Europa dei grandi ed antichi casati, Asburgo e Savoia in primis, Napoleone fu invero il grande esportatore degli ideali della rivoluzione francese che non fu una rivoluzione di popolo, ma la grande vendetta della borghesia contro l’aristocrazia.

È proprio a partire dalle rivolte parigine contro l’ultimo dei Borbone che prese piede lo Stato Nazionale come lo conosciamo noi oggi: il tricolore francese venne sventolato dai proletari così come dai borghesi e dalla classe media parigina e francese in rivolta contro il dominio dell’aristocrazia laica ed ecclesiastica che fino ad allora aveva dominato il paese. Grande politico e giocatore, l’astro del Bonaparte brillò più intenso nell’arte della guerra. Lo storico della guerra inglese Basil Liddell Hart lo ha infatti dichiarato, forse non a torto, come il “più grande stratega della storia”.

Capace infatti di rivoluzionare l’arte militare del suo tempo, Napoleone seppe cogliere i grandi cambiamenti portati dalla rivoluzione e dalla leva di massa dichiarata dalla Repubblica francese, portando scompiglio fra gli eserciti di Piemonte, Austria, Russia, Prussia ed Inghilterra. Le sue tattiche e strategie sono studiate ancora oggi come dei capolavori. Le vittorie ad Austerliz, Jena, Eylau, Friedland e la mancata vittoria di Waterloo, (persa per errori dei suoi marescialli), sono fra i suoi maggiori successi. Quasi sempre in inferiorità numerica e circondato da nemici, Napoleone seppe utilizzare al meglio non solo i suoi uomini e le loro qualità, ma anche la morfologia del territorio, riuscendo così ad avere la meglio dei più forti eserciti del mondo a lui contemporaneo.

Il Cinque Maggio: la morte di Napoleone Bonaparte
Napoleone nel suo esilio a Sant’Elena in mezzo all’Oceano Atlantico

 

Non potendo giustiziare un nemico tanto forte ed indomito, i monarchi europei si decisero a rinchiuderlo in una prigione dorata, l’unico modo infatti per fermare una mente tanto geniale come quella di Napoleone Bonaparte era quello di allontanarla da tutto e tutti portandola fuori dal mondo. Relegato come prigioniero prima sull’isola d’Elba, da cui riuscì a scappare, e poi nell’isolotto Atlantico di Sant’Elena, Napoleone spirò il 5 maggio 1821 a causa di un tumore allo stomaco. Le ultime parole di questa meteora del XVIII secolo andarono a ciò che amò sopra ogni altra cosa: “Francia, esercito – capo dell’esercito – Giuseppina.”

“Tu dalle stanche ceneri
Sperdi ogni ria parola:
Il Dio che atterra e suscita,
Che affanna e che consola,
Sulla deserta coltrice
Accanto a lui posò”.

-Manzoni, “Il cinque maggio

(di Fausto Andrea Marconi)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
E dei “1300 morti al giorno” previsti ad aprile nessuna traccia
"Con le riaperture rischiamo 1300 morti al giorno". Così profetizzava [...]
Per il PD “tutto Zaki” chi è già italiano può rimanere nelle carceri in Marocco
Barricate per l'egiziano Zaki, silenzio tombale per l'italo-marrocchina Fatima (nome [...]
La riforma della giustizia è una priorità, come quella costituzionale
Riforma della giustizia, una priorità congelata da decenni. Ieri il [...]
Lo strano concetto di “legge Anti-LGBT” dei progressisti
In Ungheria è entrata in vigore oggi la famigerata legge [...]
Scroll Up

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.