L'Italia delocalizza, il globalismo trionfa, la povertà pure

L’Italia delocalizza, il globalismo trionfa, la povertà pure

Come riporta oggi l’ANSA, “Il numero delle partecipazioni all’estero delle aziende italiane è aumentato del 12,7% secondo gli ultimi dati disponibili, riferiti al 2009-2015, analizzati dalla Cgia di Mestre.”

Alla fine dello scorso decennio i casi simili erano oltre 31mila, nel 2015 hanno superato i 35mila. Una crescita spaventosa. Secondo il coordinatore dell’Ufficio studi CGIA Paolo Zabeo “non ci sono statistiche complete in grado di fotografare con precisione il fenomeno”, riferendosi al numero di aziende chiuse in Italia per aprire sedi all’estero.

Ma non ci vuole un genio per capire che l’impoverimento del Paese imperversa, direttamente proporzionale alla distruzione dell’industria e del mercato interno, ormai preda di sempre maggiori ricerche di manodopera a basso costo estera.

(La Redazione)

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Russiagate, il flop dei media mainstream: ora chiedete scusa
«La copertura spericolata dei media sul Russiagate è lo spettacolo [...]
Wikipedia protesta contro la legge europea sul copyright
Noi ne avevamo parlato già a giugno. Ma il 26 [...]
Scuolabus: pure Nicolò, bambino che si era offerto come ostaggio, ignorato da gran parte dei media
Nemmeno lui finisce da Fabio Fazio con il cappello di [...]
Siete solo dei penosi razzisti
Siete solo dei penosi razzisti. Abbiamo già pubblicato due articoli [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter