Bonino come Gassman: quando i razzisti si travestono da dirittoumanisti

Bonino come Gassman: quando i razzisti si travestono da dirittoumanisti

Stati Uniti d’America, XIX secolo: il dibattito tra schiavisti e abolizionisti infiamma la politica del Paese. Sono in molti a temere che l’abolizione della schiavitù potrebbe causere gravi danni economici.

J.H. Hummond (Partito Democratico), in un celebre discorso al Senato tenuto nel 1858, sostiene che «in tutti i sistemi sociali deve esserci una classe che svolga le mansioni servili, che esegua i lavori ingrati della vita» per poter sostenere il progresso dello Stato.

Ancora Stati Uniti d’America, ancora XIX secolo: E.N. Elliott raccoglie in un libro i più importanti argomenti contro l’abolizionismo. Tra questi ne spicca uno secondo cui «il primo, ed immediato, effetto [dell’abolizione della schiavitù] sarebbe quello di mettere fine alla coltivazione dei nostri grandi terreni del Sud. […] Può qualcuno sano di mente pensare ad un simile scenario senza provare terrore?»

Italia, 2018: parlando del fenomeno dell’immigrazione, Emma Bonino afferma che «se non ci fossero immigrati nessuno raccoglierebbe i pomodori, le olive». Una posizione che riecheggia quella di Alessandro Gassman, il quale pochi mesi prima, su Twitter, aveva risposto provocatoriamente a un altro utente, rivolgendogli la seguente domanda: «Te piacciono i pomodori? Le verdure? Le fragole? Senza di loro scordateli».

Se n’era già parlato, ma a quanto pare repetita iuvant: il vero volto dei dirittoumanisti, di quanti predicano accoglienza, integrazione e antirazzimo è, paradossalmente, lo stesso di quanti, nei tempi andati, si spendevano a favore della causa schiavista. Quello di chiamare con belle parole posizioni abominevoli è del resto un trucco a cui siamo ormai abituati e che riecheggia la neolingua e il bispensiero di orwelliana memoria. D’altronde, se «la guerra è pace, l’ignoranza è forza, la libertà è schiavitù», perché non aggiungere «lo sfruttamento è accoglienza»?

Chi ha letto Marx ricorderà sicuramente le sue parole a proposito dell’esercito industriale di riserva. Come ci siamo già chiesti, accogliere indiscriminatamente enormi masse di disperati è davvero un “atto di civiltà” o è solo un modo per importare manodopera a basso costo, favorire l’abbassamento dei salari e ridimensionare – in senso restrittivo – i diritti dei lavoratori?

Non si tratta del mantra secondo cui “gli stranieri ci rubano il lavoro”; è anzi opportuno riconoscere che questa situazione non danneggia solamente gli italiani e, più in generale, gli autoctoni europei, ma anche gli stessi immigrati, costretti a rischiare la vita nella convinzione di raggiungere l’Eden per poi trovarsi a lottare per un lavoro in nero e sottopagato.

Com’è evidente, dunque, l’immigrazionismo non è altro che il volto presentabile del colonialismo, che ancora oggi continua a sfruttare i paesi del Terzo mondo, solo che in una nuova, più subdola, forma.

(di Camilla Di Paola)

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Per una giustizia italiana meno “liberale”
Lo stato della giustizia italiana riflette perfettamente alcune dinamiche che [...]
Ecco chi è Juan Guaidò, il golpista al servizio di Washington
Chi è veramente Juan Guaidò, l'autoproclamato Presidente ad interim del [...]
Censura a Bologna: impedita presentazione de “L’inganno antirazzista” di Stelio Fergola [VIDEO]
Impedita la presentazione, impedito il dibattito. Qualche blog "cittadino" l'aveva [...]
“L’UE? Si dissolverà come l’Unione Sovietica”: la previsione di George Soros
La «maggioranza addormentata degli europeisti» deve «svegliarsi» prima che l'Unione [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook