20 ottobre 1944: a 73 anni dalla Strage di Gorla

20 ottobre 1944: a 73 anni dalla Strage di Gorla

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

20 ottobre 1944, quella mattina dall’aeroporto di Castelluccio dei Sauri, nei pressi della città di Foggia in Puglia, decollarono 36 bombardieri B-24 della 451 Bomb Group, al comando del colonnello James B. Knapp. Il compito assegnato? Distruggere gli stabilimenti della Breda a Sesto San Giovanni e, in contemporanea, radere al suolo quelli dell’Isotta Fraschini e dell’Alfa Romeo, a Milano.

Una pioggia di bombe attendeva il capolouogo meneghino e la gente lo aveva capito in anticipo, poiché le condizioni atmosferiche erano ottimali a causa del cielo terso e, stranamente, azzurrissimo. Una saggia maestra delle scuola elementare Francesco Crispi, in zona Gorla, incrociando i suoi piccoli alunni nei pressi del Naviglio Martesana, consigliò loro quel giorno di rimanere al sicuro nelle loro case, incontrando il parere contrario dei loro genitori. “La guerra è finita, ormai”, dissero. Non fu cosi.

Alle 11:24, si stava preparando ad uno dei più tragici colpi di coda. Mentre 200 e più bambini sono ammassati nella tromba delle scale dell’istituto, impanicati da quell’allarme che preavvisa l’arrivo dei bombardieri USA e scandisce i 240 secondi esatti dal momento dello sgancio dei grappoli di bombe prima che arrivino al suolo, un ordigno, con precisione chirurgica, la colpisce. La scuola esplode, il rifugio sprofonda, alunni e maestre precipitano nel vuoto. 184 morti, quasi un’intera generazione scomparsa.

Nessuno fu chiamato sul banco degli imputati, sebbene i responsabili si conoscessero. Nessun presidente della Repubblica, in 73 anni, si è mai recato a Gorla a commemorare la morte di queste giovani anime e quasi nessun testo scolastico si degna di scriverne qualche rigo. È sempre la solita vergognosa pregiudiziale antifascista dei morti di serie A e serie B.

(di Davide Pellegrino)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

Crisi di governo, Porro: “Niente cambia, soprattutto sulla dittatura del virus”
Sulla crisi di governo Nicola Porro stamattina su Facebook è [...]
Governo, è una crisi inutile?
Che il governo sia ormai in crisi è un dato [...]
No, Facebook e Twitter non possono bloccare chi vogliono, anche se sono privati
“Facebook e Twitter sono aziende private e possono bloccare chi [...]
Toscano (Vox Italia): “Basta lockdown, governo distrugge economia”
«Prima gialli, poi arancioni, poi chissà, seguendo un improbabile e [...]
Scroll Up