Un funerale vichingo nel racconto dell'arabo Ahmad Ibn Fadlan

Un funerale vichingo nel racconto dell’arabo Ahmad Ibn Fadlan

Ahmad Ibn Fadlan fu un diplomatico e scrittore arabo (o persiano), che lavorò come emissario per il Califfo di Baghdad nella prima metà del X secolo. Nel 921 fu spedito dal califfo al-Muqtadir in missione diplomatica nelle terre dei bulgari e dei khazari. Durante i suoi viaggi ebbe anche modo di conoscere i vichinghi e i rus, nonché di visitare la Scandinavia. Prima del suo viaggio nel nord Europa, i popoli scandinavi erano pressoché sconosciuti al mondo islamico.

Di queste sue peregrinazioni da ambasciatore del Califfo è rimasto un manoscritto, redatto dallo stesso Ahamad Ibn Fadlan sia come cronaca di viaggio che come resoconto antropologico. Il documento è datato 922 ed è un documento importantissimo per lo studio degli usi e dei costumi delle popolazioni scandinave. Attento osservatore, il diplomatico arabo ci ha anche lasciato una precisa e dettagliata descrizione del funerale di un capo dei rus, termine con cui si indicano gli scandinavi che dalla Svezia avevano colonizzato le terre di Russia e Ucraina. Ecco come Ahmad Ibn Fadlan descrive questo funerale “vichingo”:

Ho sentito che per la morte del loro capo hanno fatto molte cose, di cui il minimo era la cremazione, ed ero interessato a saperne di più. Alla fine mi è stato detto della morte di uno dei loro uomini eccezionali. Lo misero in una tomba e misero un tetto sopra per dieci giorni, mentre hanno tagliato e cucito abiti per lui. Se il defunto è un povero, fanno una piccola barca, e lo depongono e bruciano. Se lui è ricco, raccolgono i suoi beni e li dividono in tre parti, una per la sua famiglia, un’altra per il suo abbigliamento, e una terza per fare una bevanda inebriante, che bevono fino al giorno in cui la sua schiava ucciderà se stessa e verrà bruciata con il suo padrone. Si prodigano a bere questa birra notte e giorno; a volte uno di loro muore con la coppa in mano. Quando l’uomo di cui ho parlato è morto, le sue ragazze schiave sono invitate a scegliere chi morirà con lui. Una risponde “io” e viene poi messa nella cura di due giovani donne, che veglieranno su di lei e la accompagnavano ovunque, al punto che di tanto in tanto lavano i suoi piedi con le proprie mani. Gli indumenti vengono fatti per i defunti e tutto il resto. Nel frattempo la schiava beve ogni giorno e canta, dando se stessa al piacere.

Quando il giorno è arrivato ed è tempo che l’uomo venga cremato e la ragazza con lui, vanno al fiume su cui vi era la sua nave. Ho visto che avevano tirato la nave sulla riva, e che avevano eretto quattro pali di legno di betulla e altro legno, e che intorno alla nave è stata fatta una struttura per tenere la grande nave di legno. Poi hanno tirato la nave fino a quando è posta in questa costruzione in legno. Poi cominciarono a andare e venire e dire parole che non capivo, mentre l’uomo era ancora nella sua tomba e non era ancora stato esposto. Il decimo giorno, dopo aver portato la nave fino su dalla riva del fiume, hanno custodito essa. Nel mezzo della nave, hanno preparato una cupola o padiglione di legno e adornato questo con vari tipi di tessuti. Poi hanno portato un divano e messo sulla nave e coperto con un materasso di broccato greco. Poi è arrivata una vecchia che chiamano l’Angelo della Morte, e lei si distende sul divano e sugli arredi menzionati. È lei che ha la responsabilità della vestizione e di organizzare tutte le cose, ed è lei che uccide la schiava. Ho visto che era una vecchia, grassa.

Un funerale vichingo nel racconto dell'arabo Ahmad Ibn Fadlan

Quando sono venuti alla tomba hanno tolto la terra da sopra il legno, poi il legno, e tirato fuori il morto vestito con i capi in cui era morto. Ho visto che era divenuto nero dal freddo. Hanno posto la bevanda inebriante, la frutta, e uno strumento a corde nella tomba con lui. Hanno tolto tutto questo.
Il morto non ha cattivo odore, e solo il suo colore ad essere cambiato. Lo vestono con pantaloni, calze, stivali, una tunica, e caffettano di broccato con bottoni d’oro. Hanno messo un cappello di pelliccia di broccato sulla sua testa. Poi lo portarono nel padiglione a bordo della nave. Lo siedono sul materasso e lo appoggiano ai cuscini. Hanno portato la bevanda inebriante, la frutta, e piante profumate, che hanno messo con lui, poi pane, carne e cipolle, che hanno messo di fronte a lui. Poi hanno portato un cane, che hanno tagliato in due e messo nella nave. Poi hanno portato le armi e le hanno poste al suo fianco. Poi hanno preso due cavalli, li hanno fatti correre fino a che non hanno sudato, poi tagliati a pezzi con una spada e messi anch’essi sulla nave. Successivamente hanno ucciso un gallo e una gallina e li hanno gettati in nave. La schiava che ha voluto essere uccisa, è andata qua e là in ciascuna delle tende, e ha avuto un rapporto sessuale con i padroni e ha detto «dì al tuo Signore ho fatto questo per amore di lui».

Venerdì pomeriggio hanno portato alla ragazza schiava una cosa che avevano fatto, che assomigliava a un telaio della porta. Mise i piedi sulle palme degli uomini e la sollevarono sopra questa cornice. Parlava, diceva qualche parola e l’hanno abbassata di nuovo. Una seconda volta e una terza volta e ha continuato a fare come le due volte prima. Poi le hanno portato una gallina; ha tagliato la testa, che ha buttato via, e poi ha preso la gallina e l’ha messa nella nave. Ho chiesto l’interprete ciò che aveva fatto. Egli rispose: la prima volta che l’hanno sollevato, ha detto: “Ecco, io vedo mio padre e mia madre”. La seconda volta, ha detto, “vedo tutti i miei parenti morti seduti.” La terza volta, ha detto, ‘”vedo il mio padrone seduto in Paradiso e il Paradiso è bello e verde. Con lui sono uomini e ragazzi servi. Lui mi chiama. Portami a lui.
Ora l’hanno portata alla nave. Si toglie i due braccialetti che indossava e li ha dato alla vecchia chiamata l’Angelo della Morte, che doveva ucciderla; poi si tolta i due anelli che lei indossava e li ha dati alle due ragazze che l’avevano servita, ed erano le figlie della donna chiamata l’Angelo della Morte. Poi l’hanno sollevata sulla nave, ma non l’han fatta entrare nel padiglione.

Poi il parente più prossimo del morto, dopo che avevano messo la ragazza che hanno ucciso accanto al suo padrone, è venuto, ha preso un pezzo di legno acceso da un fuoco, e camminava all’indietro con la parte posteriore della sua testa verso la barca e il viso rivolto verso il popolo, con una mano che tiene il bastone acceso e l’altra che copre il suo ano, essendo completamente nudo, con lo scopo di dar fuoco al legno che era stato posto sotto la nave. Poi la gente si avvicinò con l’esca e altre torce, ciascuno in possesso di un pezzo di legno di cui aveva dato fuoco e che ha messo nel mucchio di legno sotto la nave. Allora le fiamme inghiottito il legno, poi la nave, il padiglione, l’uomo, la ragazza, e tutto ciò che è nella nave. Un potente, vento di paura cominciò a soffiare in modo che le fiamme divennero feroci e più intense.

Uno dei Rus era al mio fianco e ho sentito parlare con l’interprete, che era presente. Ho chiesto all’interprete quello che aveva detto. Egli rispose: ha detto: “Voi siete pazzi arabi.” “Perché?” Gli ho chiesto. Egli disse: “Tu prendi le persone che sono più care e onorate e le metti nel terreno in cui gli insetti e i vermi li divorano. Noi lo bruciamo in un momento, in modo che egli entri Paradiso in una sola volta”. Poi si mise a ridere fragorosamente. Quando ho chiesto perché ha riso, ha detto: “Il suo Signore, per amore di lui, ha inviato il vento per portarlo via in un’ora.” E in realtà un’ora non era passato prima che la nave, il legno, la ragazza, e il suo padrone divenissero altro che cenere e cenere.

Un funerale vichingo nel racconto dell'arabo Ahmad Ibn Fadlan

La descrizione di questo funerale rus raccontata da Ahmad Ibn Fadlan è entrata prepotentemente nel nostro immaginario comune. Il suo manoscritto ha ispirato sia il bel romanzo Mangiatori di morte di Michael Crichton che il film Il tredicesimo guerriero. Ormai si pensa che tutti i funerali vichinghi avenissero così. In verità i popoli scandinavi avevano molti modi per seppellire i propri morti, e quello all’interno della nave era riservato solamente alle personalità più importanti. Molte volte i defunti venivano semplicemente inumati nel terreno, oppure cremati. Sono state anche ritrovate navi sepolte (e non bruciate), oppure massi posizionati a formare la sagoma di un vascello nel terreno.

Il funerale visto dal diplomatico islamico non era quindi un funerale qualunque, ma molto probabilmente doveva trattarsi della cerimonia dedicata a un importante capoclan o a un sovrano. Vista anche l’importanza che i vichinghi davano alle loro navi è alquanto difficile pensare che un funerale simile potesse essere la prassi per ogni defunto. Colui che veniva seppellito (o bruciato) con una nave riceveva quindi un enorme onore; gli si forniva un oggetto prezioso come corredo, nonché il mezzo più agile e veloce per raggiungere il Valhalla.

(di Andrea Tabacchini)

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Vi ricordate Saviano e Boldrini su Douma? Peccato che era una bufala
Vi ricordate quando Roberto Saviano, Laura Boldrini e altri vip [...]
Sergej Lavrov epico: così umilia il giornalista del Post
Che Sergey Lavrov sia un genio della comunicazione e uomo dall'innato [...]
Realtà e nichilismo: intorno a Michel Houellebecq
Genio, ciarlatano, profeta, reazionario: intorno alla figura di Michel Houellebecq [...]
Guy Verhofstadt “ama gli italiani”, ma quali?
In questi giorni, lo scontro tra Guy Verhofstadt e Giuseppe [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook