Gheddafi non è stato ucciso per motivi umanitari

Gheddafi non è stato ucciso per motivi umanitari

Il testo sottostante è la trascrizione dell’intervista tra Alex Knyazev di Russia TV24 e Peter Koenig .

Russia TV24 : Quali sono state le ragioni per cui il signor Gheddafi è stato ucciso e la NATO ha invaso la Libia?

PK : Il sig. Muammar Gheddafi non è stato ucciso per motivi umanitari. Il signor Gheddafi ha voluto rafforzare l’Africa. Aveva un piano per creare una nuova Unione africana, basata su un nuovo sistema economico africano. Aveva un piano per introdurre il “Gold Dinar” come supporto per le valute africane, in modo da potersi liberare dal sistema monetario occidentale dominato dal dollaro, che manteneva e continuava ad usurpare l’Africa, le risorse naturali dell’Africa, soprattutto il petrolio e i minerali. Come primo passo, ha offerto questa alternativa lucrativa e molto vantaggiosa agli altri stati musulmani africani, ma lasciando aperta a tutti gli altri paesi africani la possibilità di aderire.

Al momento dell’atroce assassinio di Gheddafi da parte di Hillary Clinton , allora segretario di Stato di Obama, e del presidente francese Sarkozy, guidato dalle forze NATO, il 20 ottobre 2011 – le riserve auree libiche sono state valutate a quasi 150 tonnellate e circa la stessa quantità di argento. Il valore stimato a quel tempo era di 7 miliardi di dollari. È vostra ipotesi che abbiano rubato questo enorme tesoro al popolo della Libia. A partire da questa data non è possibile trovarlo da nessuna parte.

Anche Gheddafi ha voluto separare le sue vendite di petrolio dal dollaro, cioè non più negoziare idrocarburi in dollari statunitensi, come è stato imposto dalla US / OPEC fin dagli inizi degli anni ’70. Altri produttori di petrolio e di gas africani e mediorientali avrebbero seguito l’esempio. Infatti, l’Iran aveva già nel 2007 un piano per introdurre la borsa del petrolio di Teheran, dove chiunque potesse scambiare idrocarburi in valute diverse dal dollaro USA. Questa idea si è arrestata improvvisamente, quando Bush (George W) ha iniziato ad accusare l’Iran di aver pianificato la costruzione di una bomba nucleare. È stata, naturalmente, una menzogna fabbricata, confermata dalle 16 più importanti agenzie di sicurezza americane e più tardi anche dall’organo ONU per la Sicurezza nucleare, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (IAEA), a Vienna. Washington aveva bisogno di un pretesto per fermare la borsa del petrolio di Teheran che avrebbe decimato la necessità di dollari, e quindi probabilmente avrebbe significato la fine dell’egemonia del dollaro.

Saddam Hussein aveva la stessa idea. Aveva promesso che non appena l’embargo omicida e criminale imposto dall’ONU – naturalmente dettato da Washington – fosse cessato nel 2000, avrebbe venduto la sua benzina in euro. È stato ucciso. Il nuovo piano di Gheddafi per l’Africa avrebbe significato un sistema bancario completamente nuovo per l’Africa, lontano dalle banche centrali ormai occidentali (principalmente Francia e Regno Unito) che dominavano le valute africane. Avrebbe potuto significare il crollo del dollaro USA o almeno un enorme colpo a questo falso sistema monetario occidentale basato sul dollaro. Quindi, il Dinar d’oro non doveva nascere. Chiunque – fino a oggi – minacci l’egemonia del dollaro deve morire. Ciò significa chiunque altro come la Cina e la Russia, che già da alcuni anni hanno largamente staccato la loro economia dal dollaro, lavorando sugli idrocarburi, così come su altri contratti internazionali, con oro o con le rispettive valute locali. Questo da solo ha già contribuito a ridurre le partecipazioni in dollari in casse di riserva internazionali da quasi il 90% di circa 20 anni fa ad un tasso oscillante tra il 50% e il 60% di oggi.

Anche la “primavera araba” indotta da Washington / CIA doveva trasformare l’intero Medio Oriente in un’enorme zona di caos, quel che oggi è ovviamente. Non ci sono progetti per assicurarlo e per riportarlo alla normalità, a quello che era prima. Al contrario, il caos permette di dividere e conquistare, di balcanizzare, così come nel piano per la Siria e l’Iraq. Uno degli obiettivi occidentali di Washington di questo caos da conflitto costante è di installare finalmente un sistema di banche centrali private nei paesi del Medio Oriente e del Nord Africa sotto la direzione di Washington – banche centrali di proprietà privata, della Federal Reserve (FED), dove i neocons, i Rothschild e la Massoneria chiamerebbero i colpi. Ciò dovrebbe aiutare a stabilizzare l’egemonia del dollaro americano in quanto gli idrocarburi prodotti in questa regione generano trilioni di dollari in negoziazione all’anno.

Gheddafi ha anche voluto introdurre o avrebbe già introdotto in Africa un sistema telefonico senza fili che eliminerebbe i monopoli statunitensi / europei – con Alcatels e AT e T facenti parte di questo mondo – che dominano e usurpano il mercato africano senza scrupoli. Gheddafi non era solo il leader della Libia, aveva ambizioni di liberare l’Africa dai feroci avversari dell’ovest. Pur essendo chiamato dittatore e despota dall’Occidente – lo fanno con chiunque non si sottometta alle regole di Washington – era molto apprezzato dai libici, dal suo popolo. Aveva un voto di approvazione superiore al 80% da parte del popolo libico. La fortuna petrolifera della Libia gli ha permesso di creare un sistema sociale nel suo paese dove tutti avrebbero beneficiato delle ricchezze del loro territorio – assistenza sanitaria gratuita, educazione gratuita, comprese borse di studio all’estero, infrastrutture moderne, tecnologia di prim’ordine nella medicina e altro ancora.

Russia TV24 : Perché il dinar d’oro sarebbe inaccettabile per i leader occidentali? O non lo è?

PK : Sì, il gold dinar era totalmente inaccettabile per i leader occidentali. Avrebbe potuto devastare l’egemonia del dollaro statunitense, oltre che il controllo dell’Economia africana. Non è niente di meno della neo-colonizzazione dell’Africa, in molti modi peggiori di quanto accaduto negli ultimi 400 o 800 anni di colonizzazione militare e di oppressione. È ancora in corso, solo discretamente.

Guarda le elezioni presidenziali della Costa d’Avorio del 2010. Il presidente, in modo irriconoscibile, Alassane Ouattara (foto a destra) era in cravatta con il candidato del popolo, Laurent Gbagbo. Gbagbo ha detto che ha vinto le elezioni e ha chiesto un riconteggio che è stato negato. Ouattara, ex dipendente del FMI, è stato spinto fondamentalmente dalla “raccomandazione” del FMI. È il tesoro delle istituzioni finanziarie internazionali neoliberali e sta portando un governo neocon, un’economia al servizio delle corporazioni occidentali. È quello che volevano. Questo è quello che hanno ottenuto. La colonizzazione moderna è viva e prospera. Lo chiamo un colpo di stato finanziario, istituito da istituzioni finanziarie estere.

Il signor Laurent Gbagbo è stato accusato di stupro, omicidio e altre atrocità e immediatamente trasferito alla Corte penale internazionale – (sic-sic) quale giustizia? – all’Aia, dove ha aspettato cinque anni per un processo avviato il 28 gennaio 2016 e ancora in corso. Il 15 maggio 2017, è stato estesa la richiesta del procuratore di raccogliere ulteriori prove. Questo in ogni caso è solo una farsa da sbattere al pubblico che crede che sta ottenendo un processo equo. Già nelle audizioni del 2014, Gbagbo è stato dichiarato colpevole di tutte le accuse, inclusi omicidi, stupri e altri crimini contro l’umanità. Come Slobodan Milošević, è un prigioniero scomodo, e peggio sarebbe come uomo libero. Così, probabilmente sarà bloccato – e un giorno commetterà ‘suicidio’ o morirà per un ‘attacco di cuore’. Il classico. È così che l’Occidente elimina i potenziali testimoni dei suoi crimini atroci. Fine della storia. Nessuno abbaia, perché nel “mondo libero” è stato fatto credere dai media prostituiti occidentali che queste persone sono tiranni inumani. Proprio ciò che i titoli dei media occidentali hanno proclamato su Muammar Gheddafi: la morte di un tiranno. D’altra parte, nel 2015, Ouattara è stato ‘rieletto da una valanga’. Questo è quello che dicono i media occidentali. Colonizzazione sotto la guida ‘africana’. È protetto dall’esercito francese.

Tornando alla Libia: Prendi il caso specifico della Francia e dell’Africa Occidentale e Centrale. La Banca Centrale Francese, la Banque de France, sostiene la moneta dell’Unione Monetaria Centrale dell’Ovest e dell’Africa Centrale, il franco CFA. Ad esempio, la Banca Centrale dell’Africa Occidentale è coperta, cioè controllata, per circa il 70% dalla Banque de France. La Banque de France ha un controllo quasi totale sull’economia delle sue ex colonie dell’Africa occidentale. Non c’è da meravigliarsi se Sarkozy – un assassino e un criminale di guerra, mi dispiace, va detto – ha sostenuto Hillary – anche egli un assassina e una criminale di guerra – hanno spinto la NATO a distruggere il paese e uccidere migliaia di libici, tra cui il leader libico Muammar Gheddafi. Le parole infami di Hillary: “Siamo venuti, abbiamo visto, è morto” che lei disse in modo sconvolgente, scherzando e ridendo. Il termine “essere umano” si applica ancora a un tale mostro?

Russia TV24: Quali paesi sono maggiormente interessati al recupero libico e perché? Quali sono le possibilità di riparazione dell’economia della Libia?

PK: Beh, se c’è qualcuno che dovrebbe essere interessato al recupero della Libia quelli sono prima di tutto i libici che vivono ancora in Libia, perché ora vivono in una Libia del caos e dell’alta criminalità, della mafia economica, della tirannia della leadership delle bande. Certamente hanno interesse a tornare alla normalità. Anche i paesi vicini nord africani dovrebbero essere interessati a ripristinare l’ordine e ricostruire l’infrastruttura e l’economia della Libia, fermando la fuoriuscita di alto crimine e terrorismo. Hanno perso un importante partner commerciale.

Naturalmente, il resto dell’Africa, che ha subito la colonizzazione continua dell’ovest, dopo la scomparsa di Gheddafi, dovrebbe anche egli essere interessato a ristabilire la Libia. Sanno che non sarà mai la stessa Libia che era lì per aiutare la loro economia, per aiutarli a liberarsi dagli stivali occidentali e dalle zanne dello sfruttamento.

E l’Europa dovrebbe essere più interessata a ristabilire l’ordine e un’economia reale in Libia. Ripulirla da una mafia omicida che promuove la droga e gli scambi di schiavi che finiscono in Europa. La Libia oggi è uno dei punti chiave per i rifugiati che si imbarcano dall’Africa verso l’Europa. Oltre a aiutare i libici a raggiungere la pace all’interno delle proprie frontiere per ricostruire il proprio paese, la Commissione europea ha lanciato nel 2015 una nuova agenzia europea per la protezione delle frontiere e della costa con obiettivo particolare la Libia. Distruggere le imbarcazioni dei rifugiati, se non possono impedire loro di lasciare Tripoli, Bengasi e altri porti del mare libico.

Ovviamente, l’Europa smidollata non ha il coraggio di dire che vorrebbe rimodellare la Libia in uno stato funzionale. La Libia è territorio di Washington e Washington vuole continuare il caos in Libia. Come tale la Libia è un terreno formidabile per la formazione e l’assunzione di terroristi, e per il commercio degli schiavi. Un paese dove la criminalità prospera e la CIA prende la proprio parte, poiché queste attività criminali sono dirette dalla CIA e dai loro affiliati. Il resto del mondo non lo vede. Per loro è tutto colpa del dittatore Gheddafi, che grazie alla bontà è stato eliminato dalle potenze occidentali, dai signori del denaro e dell’avidità.

Russia TV24 : Decenni fa la Libia ha avuto un grande successo dal punto di vista economico. Quali cose principali potreste ricordare?

PK: La Libia era economicamente e socialmente un paese di successo, probabilmente l’Africa più riuscita. La prosperità del petrolio è stata ampiamente condivisa da Gheddafi con i suoi connazionali. La Libia aveva una rete di sicurezza sociale di prima classe, un’infrastruttura di trasporto eccellente, servizi medici gratuiti e ospedali moderni, dotati di attrezzature mediche di ultima generazione, educazione gratuita per tutti e gli studenti potevano ricevere borse di studio per studiare all’estero.

Sotto il presidente Gheddafi, la Libia ha costruito relazioni amichevoli basate sulla solidarietà con altri Stati africani ed era sempre pronta ad aiutare se una nazione sorella era in difficoltà. Gheddafi era un po’ come Hugo Chavez in Sud America. Aveva un grande cuore e un carisma, forse non tanto per i leader occidentali, ma per la popolazione della Libia. Eppure, è accusato di tirannia dall’Occidente e si dice che abbia sostenuto finanziariamente la campagna presidenziale di Sarkozy – Sarkozy, il “leader” (sic-sic), che ha poi aiutato Hillary a linciare Gheddafi. Se questo non dice molto sui leader criminali dell’Europa cosa lo dirà?

Muammar Gheddafi è stato accusato da Washington – un’accusa immediatamente ripetuta dai burattini europei smidollati – di essere responsabile dell’esplosione del volo Pan Am 103 del dicembre 1988 su Lockerbie, in Scozia. Più di 240 persone sono morte nel disastro. Non è stato trovato un pezzo di prova che la Libia fosse dietro la trama. Ma era un buon motivo per avviare un programma di sanzioni contro il regime di Gheddafi. Era probabilmente una false flag. Quale interesse diverso dal colpire un paese ricco di petrolio avrebbe portato abbattere quel volo?

Russia TV24 : Ora vediamo che la produzione di petrolio è cresciuta almeno al 50% del livello del 2011. Possiamo aspettarci che continui a crescere e influenzare il mercato petrolifero?

PK : Sì, la produzione di petrolio libica è aumentata a circa il 50% del livello del 2011. La Libia è conosciuta per la sua benzina di alta qualità, premiando prezzi più elevati. Si tratta di una nicchia di mercato che potrebbe essere influenzata dalla produzione intensificata della Libia. Ma chi beneficia veramente di questo aumento della produzione? Molto probabilmente non i libici ma le corporazioni internazionali, soprattutto i giganti del petrolio americani e franceso. Chiamano i colpi sui livelli di produzione. Fanno parte dell’intesa internazionale dei manipolatori dei prezzi del petrolio, così come i banchieri di Wall Street, prevalentemente Goldman Sachs.

Russia TV24: Le sanzioni contro la Libia sono sollevate e pure tutte le barriere per gli investimenti esteri sono scomparsi. Significa che il paese dovrà affrontare presto il recupero?

PK : Le sanzioni possono essere revocate, ma ciò non significa che gli investimenti stranieri ora passeranno in Libia. Il paese è ancora afflitto dal caos e dal disordine e a mio avviso rimarrà così nel prossimo futuro. Questo è nell’interesse di Washington. Gli investitori sono riluttanti a mettere i loro soldi in un nido di crimini e in un terreno di riproduzione terroristico che lavora a stretto contatto con Washington e con i suoi servizi segreti, per offrire terroristi alla lotta nelle guerre per procura americane in Medio Oriente ad esempio in Siria e in Iraq, e ora anche in Afghanistan, e chissà dove altro.

Russia TV24: Come valuta la situazione politica nel paese oggi?

PK: Per quanto voglia finire con una nota positiva è difficile. Fintanto che la CIA, principale istigatore di tutte le guerre in Medio Oriente, utilizza il caos libico volutamente creato per addestrare e reclutare combattenti dello stato islamico, di Al-Qaeda e di altri gruppi terroristici – che variano solo il nome ma hanno lo stesso obiettivo, vale a dire Il cambiamento del regime in Siria – le prospettive di un futuro luminoso sono deboli.

Naturalmente, molto dipende dall’imprevedibile Presidenza Trump. Cercherà la pace in Medio Oriente? Quella sarebbe la sorpresa del secolo. O continuerà sulla pista dettata dal Deep State (non meno per salvare la sua pelle)? La continua distruzione del Medio Oriente, e la balcanizzazione della Siria – tutto come una pietra miliare sullo spettro della piena dominanza – come è scritto nella Bibbia americana – il PNAC, Piano per un nuovo secolo americano – che descrive la ” Pax Romana americana”. Erano i più sanguinosi 200 – 300 anni dell’Impero Romano. Qui viene la nota positiva: è improbabile che l’impero americano duri così a lungo. È sulle gambe. Quando alla fine vacillerà, la Libia potrà recuperare, e così anche il resto del mondo.

(da GlobalResearch – traduzione di Roberto Casagrande)

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Macron, “Ricostruire Notre Dame con materiali moderni”. È polemica
I politici conservatori francesi sono furiosi con il presidente Emmanuel [...]
Papa Bergoglio: Cristo oggi avrebbe le sembianze dei migranti
Le sembianze dei migranti sono quelle di Cristo. Coloro "che [...]
Il “climaticamente corretto”: intervista a Enzo Pennetta
Abbiamo raggiunto, per un'intervista, Enzo Pennetta, biologo e docente di [...]
Ius Soli e Porti aperti: la ricetta-suicidio del Pd di Zingaretti
Il Pd di Nicola Zingaretti non è nulla di nuovo. [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter