La Grande guerra patriottica di Stalin

La Grande guerra patriottica di Stalin

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Bisogna sviluppare l’idea che coniuga un sano nazionalismo, correttamente inteso, con l’internazionalismo proletario. L’internazionalismo proletario deve poggiare su questo nazionalismo nei singoli paesi […]. Tra il nazionalismo correttamente inteso e l’internazionalismo proletario non c’è e non può esserci contraddizione. Il cosmopolitismo senza patria, che nega il sentimento nazionale e l’idea di patria, non ha nulla da spartire con l’internazionalismo proletario. 

(dal diario di Georgi Dimitrov del 12 maggio 1941).

Come spiega Domenico Losurdo in Stalin. Storia e critica di una leggenda nera (Carocci Editore), “la strategia politica che avrebbe presieduto alla Grande guerra patriottica è ben delineata. Già alcuni mesi prima Stalin aveva sottolineato che, all’espansionismo dispiegato dal Terzo Reich, “all’insegna dell’asservimento, della sottomissione degli altri popoli”, questi rispondevano con giuste guerre di resistenza e liberazione nazionale. D’altro canto, a coloro che scolasticamente contrapponevano patriottismo e internazionalismo, l’Internazionale comunista aveva provveduto a rispondere una volta già prima dell’aggressione hitleriana.

Ben lungi dall’essere una reazione improvvisata e disperata alla situazione venutasi a creare con lo scatenamento dell’operazione Barbarossa, la strategia della Grande guerra patriottica esprimeva un orientamento teorico maturato da tempo di carattere generale: l’internazionalismo e la causa internazionale dell’emancipazione dei popoli avanzavano concretamente sull’onda delle guerre di liberazione nazionale”.

(di Domenico Losurdo)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Fedez, perché non hai parlato dei lavoratori di Amazon?
Fedez poteva dire tante cose, sul palco del Primo Maggio. [...]
Restrizioni e coprifuoco, un racconto di ordinaria follia pandemica
Quello che segue è un episodio realmente accaduto. Così le [...]
No, il 1 maggio non è il 25 aprile: ecco perché
Sbaglia chi mette il 1 maggio (come del resto, in [...]
Ai tempi del Covid la proprietà non è più un diritto?
Com’è noto, la crisi del covid sta provocando conseguenze disastrose [...]
Scroll Up

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.