Putin ammonisce Israele a non agire in Siria

Putin ammonisce Israele a non agire in Siria

L’ambasciatore siriano all’ONU Bashar al-Jaafari dice che l’uso da parte della Siria di missili antiaerei contro caccia israeliani ha un forte monito per Gerusalemme. «La Russia ha inviato un messaggio chiaro a Israele sul fatto che le regole del gioco sono cambiate in Siria e la sua libertà di agire nei cieli siriani è finita», ha detto l’ambasciatore siriano alle Nazioni Unite nella notte di domenica.

«Putin ha inviato un messaggio chiaro», ha detto Bashar Jaafari parlando alla televisione siriana. «Il fatto è che l’ambasciatore israeliano [in Russia] è stato convocato per una conversazione solo un giorno dopo aver presentato le sue credenziali [al ministero degli Esteri russo], e gli è stato detto categoricamente che questo gioco è finito».

«L’uso da parte della Siria di fuoco antiaereo contro Israele nella notte di giovedì ha cambiato le regole del gioco», ha detto Jaafari, aggiungendo che la Siria non starà a guardare di fronte a una minaccia israeliana. Egli ha anche affermato che, quando la guerra civile è iniziata in Siria nel 2011, i gruppi di opposizione e le milizie hanno sabotato i sistemi di difesa antiaerei appartenenti al governo del presidente Bashar al-Assad dando ad Israele libertà di operare.

I media siriani hanno riferito domenica che in un altro incidente il comandante di una milizia di combattimento a fianco del governo siriano è stato ucciso in un attacco aereo israeliano sulle alture del Golan, intorno a Quneitra.

Il canale televisivo libanese al-Mayadeen, associato ad Hezbollah, ha identificato la vittima in Yasser Assayed, un membro della milizia di difesa nazionale. Una fonte associata al governo di Assad ha detto che Assayad era un comandante della brigata Golan, una milizia di combattenti drusi (dai villaggi nella parte siriana del Golan) che lottano con al fianco del governo siriano.

Tra giovedì notte e venerdì mattina, aerei da combattimento israeliani hanno attaccato diversi obiettivi in Siria , provocando il più grave scontro tra Israele e Siria dopo la guerra scoppiata sei anni fa. In risposta ai raid aerei, il sistema di difesa aereo del presidente Assad ha sparato diversi missili contro i jet. Il sistema di difesa antimissile Arrow di Israele è stato attivato ed ha abbattuto uno dei missili a nord di Gerusalemme. L’incidente ha costretto Israele ad ammettere per la prima volta di aver lanciato un attacco aereo in Siria.

In seguito, l’ambasciatore di Israele a Mosca, Gary Koren, è stato convocato al ministero degli Esteri russo per colloqui con il vice Ministro degli Esteri Mikhail Bogdanov – ancora una volta, uno sviluppo insolito. Dal momento che le forze russe ha iniziato ad operare in Siria nel 2015, ci sono stati una serie di attacchi aerei che i media stranieri hanno attribuito a Israele. Ma l’ambasciatore israeliano in precedenza non era mai stato chiamato a chiarire le azioni di Israele.

(da Haaretz – Traduzione di Roberto Casagrande)

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

La dottrina Responsability to Protect (R2P) e le guerre umanitarie
La dottrina del Responsability to Protect (R2P), emersa per la [...]
Da Berlusconi al PD: l’anti-italianismo degli “amici” di Verhofstadt
L’Unione Europea continua a fabbricare mostri, e in Italia c’è [...]
Sana Cheema strangolata, assolti tutti i parenti in Pakistan
Ha dell’incredibile il caso riguardante l’uccisione di Sana Cheema, 25enne [...]
Censura a Bologna, parte 2: ostacolata anche l’Associazione “Belzebò”
A Bologna non si possono avere idee, e c'è un' [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook