Le due leve del "Nuovo Medio Oriente"

Le due leve del “Nuovo Medio Oriente”

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Il New York Times andrò oltre rispetto ai piani del generale Peters, con una scandalosa mappa del settembre 2013 che illustrava come “5 Stati potrebbero diventare 14”, mentre Stratfor evidenziò come 17 diversi centri di potere siano emersi attraverso 5 Paesi sovrani […]

Come per i curdi iracheni, sebbene nemmeno sedicenti “neomarxisti”, altri attori hanno supportato o la federalizzazione o il totale separatismo, e avrebbero sviluppato naturalmente le loro indipendenti relazioni con altre controparti curde se fossero riusciti ad affermare i loro schemi di trasformazione della mappa politica.

Sebbene le differenze linguistiche e storiche avrebbero prevenuto probabilmente la creazione di un ‘superstato’ curdo, l’effetto tangibile di ciò potrebbe condurre rapidamente alla dissoluzione di stati multietnici – con l’ascesa di una “seconda Israele geopolitica” in una parte della regione – o, ancora, ritagliare un sistema politico supportato dall’unipolarismo dal territorio rubato ad altri Paesi. […] questo significherebbe il completamento del Piano Yinon israeliano (1982) di frantumazione statale lungo l’intera periferia dei Paesi musulmani, assicurando a Tel Aviv un potere indisputato in Medio Oriente. […]

Questo significa che Washington possiede due potenti leve a sua disposizione per costruire la versione del XXI secolo del piano Yinon nel “Nuovo Medio Oriente”; wahabiti e “neo-marxisti”, entrambe duramente contrapposti ma nondimeno complementari strumentalmente per la politica estera statunitense (o come “utili idioti” o come proxies diretti)».

Di Andrew Korybko, estratto da OrientalReview.org. Traduzione a cura di Davide Ragnolini

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
E dei “1300 morti al giorno” previsti ad aprile nessuna traccia
"Con le riaperture rischiamo 1300 morti al giorno". Così profetizzava [...]
Per il PD “tutto Zaki” chi è già italiano può rimanere nelle carceri in Marocco
Barricate per l'egiziano Zaki, silenzio tombale per l'italo-marrocchina Fatima (nome [...]
La riforma della giustizia è una priorità, come quella costituzionale
Riforma della giustizia, una priorità congelata da decenni. Ieri il [...]
Lo strano concetto di “legge Anti-LGBT” dei progressisti
In Ungheria è entrata in vigore oggi la famigerata legge [...]
Scroll Up

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.