Wikileaks, gli Usa hanno favorito la nascita dello Stato Islamico

Wikileaks, gli Usa hanno favorito la nascita dello Stato Islamico

Un audio trapelato dell’incontro del Segretario di Stato americano John Kerry con i membri dell’opposizione siriana sotto la supervision delle Nazioni Unite è stato recentemente pubblicato da Wikileaks. Una conversazione di 35 minuti che è stato “oscurata” dalla CNN.

Durante la conversazione con i membri dell’opposizione siriana, John Kerry ha ammesso di aver spinto per un intervento militare in Siria, ma alla fine ha dovuto rinunciare. ‘”Non avevo il pretesto e le argomentazioni necessarie per usare l’uso della forza in Siria” – ha confidato Kerry ai membri dell’opposizione.

Secondo Wikileaks, “l’audio offre una panoramica su ciò che accade al di fuori delle riunioni ufficiali. Esso rappresenta la narrazione degli Stati Uniti e non necessariamente la narrazione reale”.

Oltre ad ammettere che aver spinto per l’intervento in Siria, John Kerry ha ammesso che gli Stati Uniti erano a conoscenza dell’esistenza dell’ISIS e di averlo fatto crescere in modo da costringere Assad a negoziare con loro; tuttavia, con l’intervento russo, tutto è cambiato, e il piano degli Usa è andato in fumo.

L’audio è stato originariamente pubblicato, in parte, dal al NY Times a fine settembre.

Fonte: Wikileaks, AlmasdarNews

(di Roberto Vivaldelli)

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Per una giustizia italiana meno “liberale”
Lo stato della giustizia italiana riflette perfettamente alcune dinamiche che [...]
Ecco chi è Juan Guaidò, il golpista al servizio di Washington
Chi è veramente Juan Guaidò, l'autoproclamato Presidente ad interim del [...]
Censura a Bologna: impedita presentazione de “L’inganno antirazzista” di Stelio Fergola [VIDEO]
Impedita la presentazione, impedito il dibattito. Qualche blog "cittadino" l'aveva [...]
“L’UE? Si dissolverà come l’Unione Sovietica”: la previsione di George Soros
La «maggioranza addormentata degli europeisti» deve «svegliarsi» prima che l'Unione [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook