Friedrich Engels e l’immigrazione

Friedrich Engels e l’immigrazione

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

È questo il concorrente contro cui è costretto a lottare l’operaio inglese, un concorrente che si trova sul più basso gradino possibile in un paese civile, e che appunto per questo ha bisogno di un salario minore di chiunque altro. Perciò è del tutto inevitabile che, come dice Carlyle, il salario dell’operaio inglese si abbassi sempre più in tutti i settori in cui l’irlandese può fargli concorrenza. E questi settori sono numerosi.

Tutti quelli che esigono poca o nessuna abilità sono aperti all’irlandese. […] Ma là dove si presenta un lavoro semplice, meno preciso, dove sia necessaria, più la forza che l’abilità, l’irlandese vale quanto l’inglese. Perciò è soprattutto in tali settori di lavoro che abbondano gli irlandesi; i tessitori a mano, i manovali, i facchini, i jobbers e simili, contano su masse irlandesi, e l’intrusione di questa popolazione ha contribuito ad abbassare il salario della stessa classe operaia.”

(Friedrich Engels, La situazione della classe operaia in Inghilterra, capitolo sull’immigrazione irlandese, 1845)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

Alain de Benoist: “È guerra USA – Cina. L’Europa non cada nella trappola”
Traduciamo e riportiamo un'intervista ad Alain de Benoist apparsa su [...]
I Sentilenesi, la tribù che respinge la civiltà ed esalta il primivitismo
I Sentinelesi sono gli abitanti dell’isola di North Sentinel, un’isola [...]
Trump: l’imprevisto del deep state e delle élites globaliste
Mentre il mondo si interroga sul potere delle élite globaliste [...]
Trump e la lotta interna al Partito Repubblicano: è di nuovo fuoco “amico”
La lotta tutta interna al Partito Repubblicano americano tra il [...]
Scroll Up